Home | Tempo d'Europa | Consiglio d’Europa: in Italia 532 giorni per sentenza

Consiglio d’Europa: in Italia 532 giorni per sentenza

Situazione preoccupante da monitorare attentamente. Sono i termini riferiti all’Italia usati nel capitolo dedicato a efficienza e qualità dei tribunali e dei procuratori che chiude l’ultimo rapporto del Cepej, organo del Consiglio d’Europa, che ogni 2 anni fotografa il funzionamento dei sistemi giudiziari dei paesi membri dell’organizzazione paneuropea. A preoccupare il Cepej sono innanzitutto i tempi per arrivare a chiudere milioni di cause accumulate nell’arretrato dei tribunali di primo grado. Il Cepej ha calcolato che ai ritmi di lavoro del 2014, per un contenzioso civile o commerciale occorreranno 532 giorni per avere una sentenza. A Malta 536, in Bosnia 603, in Slovacchia 524, in Andorra 460, contro una media europea di 237 giorni.

Newsletter

Guarda anche...

Parlamento europeo

Ue. Mosca(Pd): “Serve piano per controllare investimenti stranieri”

“Mentre Parlamento, Consiglio e Commissione stanno lavorando a un problema urgente, quello di una nuova …

FESTIVAL-INTERNAZIONALE-DI-CORI

Marcos Vinicius: un ponte di musica fra Italia e Brasile. La sua Ave Maria apre il Festival dedicato alle apparizione mariane

Il Festival Internazionale di Cori in Brasile (giunto alla sua 15a Edizione) è soltanto una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi