Home | Tempo d'Europa | Siria: PE esorta Russia e regime di Assad a interrompere i bombardamenti sui civili

Siria: PE esorta Russia e regime di Assad a interrompere i bombardamenti sui civili

In una risoluzione votata giovedì, i deputati hanno sollecitato tutte le parti coinvolte nel conflitto siriano, in particolare la Russia e il regime di Assad, a mettere fine alle azioni rivolte contro i civili, condannando i recenti attacchi agli ospedali e a un convoglio di aiuti umanitari. I deputati esortano inoltre i membri del gruppo internazionale di sostegno alla Siria a riprendere i negoziati per una tregua stabile e un eventuale accordo di pace in Siria.

I deputati hanno condannato con fermezza tutti le azioni rivolte contro i civili e le infrastrutture civili, in particolare i recenti attacchi contro un convoglio di aiuti umanitari e un magazzino della Mezzaluna rossa nelle vicinanze di Aleppo, azioni che costituiscono senza dubbio un crimine di guerra. Hanno poi auspicato che si prendano provvedimenti contro i responsabili di questi crimini.

Hanno poi esortato “tutte le parti coinvolte nel conflitto, in particolare la Russia e il regime di Assad, a mettere fine a tutti gli attacchi rivolti contro i civili e le infrastrutture civili, incluse quelle idriche ed elettriche […], a togliere tutti gli assedi e a consentire un accesso rapido, sicuro e privo di restrizioni alle agenzie umanitarie affinché possano raggiungere le popolazioni che necessitano di aiuto”.

Tutti i membri del gruppo internazionale di sostegno alla Siria devono “riprendere i negoziati per facilitare la conclusione di una tregua stabile” e trovare una soluzione politica duratura in Siria. L’UE dovrebbe svolgere “un ruolo più incisivo nella mediazione di un accordo di pace in Siria”

La risoluzione sulla Siria è stata approvata con 508 voti favorevoli, 50 contrari e 56 astensioni.

Newsletter

Guarda anche...

Every Child Is My Child

La Onlus presieduta da Anna Foglietta ha incontrato il Parlamento europeo per discutere dell’emergenza minori in Siria

All’indomani del disastroso attacco chimico del 4 Aprile 2017 a Khan Shaykhun in Siria, un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi