Home | Eventi | Il Coro dell’Armata Rossa torna in Italia
coro-armata-rossa

Il Coro dell’Armata Rossa torna in Italia

Non è solo uno dei cori più famosi del mondo, è lo spirito di un popolo che si fa musica, canto e danza. Dopo il clamoroso successo dello scorso anno a Trieste – tre repliche da tutto esaurito – il Coro dell’Armata Rossa torna in Italia con un tour che lunedì 7 novembre approda all’Opera di Firenze (ore 21 – biglietti posti numerati da 25 a 55 euro – prevendite www.boxol.it tel. 055 210804 – www.ticketone.it tel. 892 101 – info tel. 055.218647 / 0522.1473920 – www.lndf.it – www.medials.com).

Fondato nel 1939 per sollevare il morale dell’esercito sovietico stremato dalla guerra, il Coro dell’Armata Rossa Orchestra e Balletto ha conquistato una crescente popolarità a livello mondiale, facendosi ambasciatore della cultura russa nel mondo anche dopo la fine dell’Unione Sovietica.

Nel corso degli ultimi trent’anni la formazione si è esibita in oltre 7.000 spettacoli, in diverse lingue, di fronte a più di 20 milioni di spettatori. Sotto la direzione del carismatico generale Viktor Eliseev, l’ufficiale più alto in grado a condurre un ensemble di militari, la compagnia si è esibita in oltre 50 paesi e nelle più prestigiose sale da concerto di Cina, Giappone, Corea, Australia, Germania e Francia.

E’ l’unico corpo militare ad aver ricevuto una Stella di Platino sul viale dedicato ai grandi artisti russi e conta, all’interno dell’Accademia, più di 400 artisti (musicisti, cantanti e ballerini), 50 dei quali hanno ricevuto la prestigiosa onorificenza di Artista Emerito di Russia (equivalente alla Legion d’Onore francese creata da Napoleone).

Il Coro ha preso parte ad alcuni avvenimenti storici come l’esibizione di fronte a Papa Giovanni Paolo II a Roma e in occasione dell’investitura dei presidenti Boris Eltsin e Vladimir Putin; si è esibito alla cerimonia di apertura dei giochi olimpici di Mosca del 1980 e più recentemente a quella dei giochi di Sochi nel 2014 e ogni anno partecipa alla parata ufficiale de 9 maggio, il giorno in cui si celebra la vittoria della Russia nella Seconda guerra mondiale.

Nel 2010, il generale Viktor Petrovitch Eliseev ha festeggiato il suo sessantesimo compleanno sul palco del Cremlino a Mosca, alla presenza delle più grandi stelle della Russia e dei paesi dell’Europa orientale.

Sotto la sua direzione il Coro ha raggiunto il successo internazionale grazie anche ad una rivisitazione in chiave moderna del repertorio classico. Uno straordinario mix di melodie tradizionali del folklore russo, canzoni patriottiche, arie classiche da Verdi e Rossini, Bizet e Wagner, fino ad arrivare a classici pop e rock come “Hey Jude”.

Uno show spettacolare definito dal Daily Telegraph “un autentico tesoro dell’arte mondiale”.

Il tour italiano è prodotto da Medials Live, organizzazione attiva dal 1989 con importanti produzioni in Italia ed all’estero tra cui Miriam Makeba, Paul Simon, U2, Sting e Roberto Benigni.

Newsletter

Guarda anche...

rugby-italia

Rugby: storica vittoria dell’Italia contro il Sudafrica

L’Italia del rugby scrive la storia. Gli azzurri, sconfitti una settimana fa all’Olimpico di Roma …

panariello-conti-pieraccioni

Panariello – Conti – Pieraccioni: conferite dal Sindaco di Firenze le Chiavi della Città

Oggi, lunedì 14 novembre, si è tenuta a Palazzo Vecchio la cerimonia con cui il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi