Home | In News | Unicef: raggiunta Al Houd, vicino Mosul. Aiuti per 3.000 bambini

Unicef: raggiunta Al Houd, vicino Mosul. Aiuti per 3.000 bambini

Questa settimana l’UNICEF è riuscito a raggiungere Al Houd, una città appena a sud di Mosul che era stata riconquistata dalle forze di sicurezza Irachene solo due giorni prima, e a distribuire acqua pulita a migliaia di famiglie che sono state colpite dal conflitto.

“Questo significa che per una settimana, abbiamo aiutato le vite di 3.000 bambini e le loro famiglie che sono state vittime del terribile conflitto che ha coinvolto gran parte dell’Iraq,” ha dichiarato Peter Hawkins, Rappresentante UNICEF in Iraq. “Potrebbe sembrare un piccolo risultato, invece in questo modo abbiamo dato una settimana di tregua ai bambini e alle famiglie che hanno già sofferto troppo.”

Zainab è scappata da Al Houd con le sue 4 figlie due giorni prima che entrassero le forze di sicurezza irachene. Lei e la sua famiglia hanno vissuto sotto il controllo dello Stato Islamico (Isil/Daesh) per oltre due anni. Per lei, l’acqua pulita e i servizi igienico sanitari possono fare la differenza tra il vivere in un campo o ritornare al suo villaggio.

“Io voglio andare a casa, dalla mia famiglia, portare i miei bambini a scuola e avere dei vestiti per la mia famiglia,” ha detto Zainab.

Quando l’Isil ha preso il villaggio, ha preso anche la casa di Zainab e l’ha utilizzata come un ufficio. Per due anni, lei e i suoi figli hanno vissuto con dei parenti. Zainab non si è mai sentita al sicuro.

“Eravamo spaventati, affamati e avevamo bisogno di tutto, sempre. Io ero spaventata per i miei bambini perché ho 4 figlie e temevo che potessero prenderle come hanno fatto in altri villaggi,”, ha aggiunto, mentre abbracciava una delle sue figlie in segno di protezione. “Mio figlio ha solo 6 anni, per questo non è stato preso. Ma i ragazzi più grandi sono stati reclutati o addestrati per essere informatori delle parti in conflitto,” ha aggiunto.

Come parte della sua risposta alla crisi di Mosul, l’UNICEF sta garantendo acqua e servizi igienico sanitari, mentre le squadre per le vaccinazioni d’emergenza e il supporto psicologico sono pronte per raggiungere tutti i bambini che hanno più bisogno di aiuto e allestire spazi a misura di bambino nei campi di emergenza in costruzione per le persone sfollate a causa del conflitto.

“Molti di questi bambini sono in uno stato di shock, ciò di cui hanno bisogno è un posto sicuro dove giocare, imparare e sognare,” ha dichiarato Peter Hawkins, Rappresentnate UNICEF in Iraq.

Le scorse settimane, molti bambini di Al Houd e le loro famiglie si sono ammalati dopo esser stati costretti a bere acqua non sicura dal fiume.

Nonostante le pessime condizioni della strada, le nuvole di polvere e la vicinanza alla linea di confine, l’UNICEF e il suo partner locale WEO (Women Empowerment Organization) hanno distribuito bottiglie di acqua sufficienti per 1.500 famiglie per una settimana e kit igienici con secchi, sapone e detergente.

L’UNICEF verificherà i bisogni dei bambini e delle famiglie ad Al Houd e lavorerà ad una soluzione di più lungo termine per la città.

Ogni giorno, ogni settimana, l’UNICEF porterà acqua fresca, docce e latrine a tutti coloro che hanno più bisogno. Per settimane, l’UNICEF ha preposizionato aiuti salva vita così da poterli portare a tutti i bambini e le loro famiglie ovunque essi siano.

Newsletter

Guarda anche...

pigotta-unicef

Unicef. Torna la Pigotta con tante novità da scoprire il 9 e 10 dicembre in quasi 400 piazze in tutta Italia

Questo Natale, come ogni anno, torna la Pigotta, la bambola di pezza dell’UNICEF, con tante …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi