Home | Tempo d'Europa | Nadia Murad e Lamiya Aji Bushar hanno vinto il Premio Sacharov 2016
nadia-murad-e-lamiya-aji-bushar

Nadia Murad e Lamiya Aji Bushar hanno vinto il Premio Sacharov 2016

Nadia Murad e Lamiya Aji Bushar, le attiviste Yazide sequestrate dallo stato islamico, hanno vinto il Premio Sacharov 2016 per la libertà di pensiero. A scegliere il vincitore, il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz insieme ai capigruppo delle forze politiche. La cerimonia ufficiale di premiazione si terrà a Strasburgo il 14 dicembre.

Nadia Murad e Lamiya Aji Bashar sono sopravvissute alla schiavitù a cui erano state costrette dai militanti dello stato islamico (IS). Dopo la tragica esperienza, sono diventate portavoce di tutte le donne seviziate e torturate dalla campagna di violenza messa in piedi dall’Isis. In più, le due donne appartengono alla comunità Yazida, una minoranza religiosa irachena oggetto di persecuzione da parte del califfato. Sono diventate portavoce anche delle istanze di questa comunità indebolita e decimata dalle violenze in atto nell’area.

“Stiamo dimostrando che la lotta di Nadia Murad e Lamiya Aji Bashar non è stata vana e l’Europa è pronta a sostenerle passo dopo passo per aiutare a combattere le brutalità commesse da questo sedicente stato islamico, che terrorizza ancora troppe persone – ha sottolineato il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz annunciando i nomi delle vincitrici in plenaria – Sono riuscite a fuggire e arrivare in Europa, dove sono state accolte e protette”.

Nadia Murad Basee e Lamiya Aji Bashar sono state nominate dai gruppi parlamentari Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici (S & D) e Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa (ALDE).

Nadia MURAD e Lamiya AJI BASHAR – Entrambe le attiviste provengono da Kocho, uno dei villaggi vicino a Sinjar, in Iraq. Il 3 agosto 2014, i militanti dello stato islamico hanno ucciso tutto gli uomini del villaggio. Le donne giovani, tra cui Aji Bashar, Murad e le loro sorelle, sono state rapite dai militanti e costrette alla schiavitù sessuale.

A novembre 2014, Murad è riuscita a fuggire con l’aiuto di una famiglia che l’ha trasportata fuori dalla zona controllata dai militanti dello stato islamico. Ha vissuto per qualche tempo in un campo profughi nel nord dell’Iraq e poi è riuscita ad arrivare in Germania. Un anno dopo, nel dicembre 2015, Murad è stata invitata a parlare al Consiglio di Sicurezza dell’Onu, dove ha tenuto un discorso molto forte sulla tratta degli esseri umani raccontando la sua esperienza diretta. Nel mese di settembre 2016, è diventata la prima ambasciatrice di UNODC (Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine) per la dignità dei sopravvissuti alla tratta degli esseri umani. In questo ruolo, sta partecipando a iniziative volte ad aumentare la consapevolezza sulla situazione di schiavitù in cui vivono molte persone in tutto il mondo.

Aji Bashar ha cercato di fuggire diverse volte dalla schiavitù senza riuscirci. Ad aprile 2015 ce l’ha fatta, grazie alla sua famiglia che ha pagato alcuni contrabbandieri locali. Durante la fuga, è esplosa una mina che ha ucciso due persone che la stavano aiutando a scappare e Bashar è rimasta ferita gravemente, perdendo quasi completamente la vista. Una volta arrivata al sicuro, è stata traportata in Germania per le cure mediche dove ha potuto incontrare altri sopravvissuti della sua regione. Dall’arrivo in Europa, Bashar svolge attività di sensibilizzazione sulle atrocità commesse alla comunità Yazida in Iraq e aiuta donne e bambini vittime delle violenze dello stato islamico.

I finalisti – Le attiviste Yazide erano state inserite nella rosa dei tre finalisti per Premio Sacharov 2016. Per avere ulteriori informazioni sugli altri due finalisti, Can Dündar e Mustafa Dzhemilev, clicca qui.

Il premio Sacharov per la libertà di pensiero è assegnato ogni anno dal Parlamento europeo. È stato istituito nel 1988 per onorare gli individui e le organizzazioni che combattono per la difesa dei diritti umani e delle libertà fondamentali. Al vincitore vengono donati 50mila euro. L’anno scorso il premio è stato assegnato a Raif Badawi.

A scegliere i candidati per il premio Sakharov sono i singoli gruppi politici o unioni di almeno 40 deputati. Una volta raccolte le candidature, le commissioni Affari Esteri, presieduta da Elmar Brok, e quella Sviluppo, con Linda McAvan al vertice, restringono la rosa a tre finalisti. Successivamente, la Conferenza dei presidenti, composta dal presidente del Parlamento europeo e dai capigruppo dei vari gruppi politici, sceglierà il vincitore.

Newsletter

Guarda anche...

Beji Caid Essebsi

Il presidente tunisino: “L’Islam non è incompatibile con la democrazia”

Il presidente tunisino Beji Caid Essebsi ha parlato ai parlamentari europei durante la plenaria di …

Orange The World:

Orange The World: il Parlamento chiede più forza nel rispetto dei diritti delle donne

Siamo nel 2016 ed è avvilente dover continuare a ricordare che le donne e gli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi