Home | Dischi & Novità | Find a Way, intensità ed eleganza nel nuovo disco del Dagmar’s Collective

Find a Way, intensità ed eleganza nel nuovo disco del Dagmar’s Collective

Conobbi il Dagmar’s Collective nel 2013, quando uscì il loro primo disco, Different Wor[L]ds, e rimasi piacevolmente colpito dalle rivisitazioni della grande canzone internazionale in chiave jazz e folk. Ma l’album era composto prettamente da cover e gli episodi inediti erano soltanto quattro. Con il disco Find a Way, invece, l’ensemble milanese compie un decisivo balzo in avanti, mettendosi in gioco con un intero lavoro di inediti: undici brani caratterizzati da pop raffinato, jazz, bossanova e altri echi di Sudamerica. L’album è stato registrato in presa diretta, per questo motivo è dotato dell’intensità e del trasporto tipico delle incisioni live. Nonostante la grande preparazione dei musicisti che compongono il gruppo, nessuno di loro si perde in leziosi virtuosismi, anzi, ognuno mette la propria tecnica al servizio dei brani, puntando sull’eleganza del suono e sulla sobrietà degli arrangiamenti.

Anima del progetto è Dagmar Segbers, cantante dalle origini nordeuropee ormai di casa in Italia, che appare sulla copertina con uno sguardo intenso e sicuro catturato dal fotografo Roberto Covi. Tutto Find a Way è disseminato di passaggi melodici da brivido che l’artista, con la sua voce duttile e suadente, riesce a interpretare con maestria. Ma la Segbers non è solo voce: insieme al chitarrista Emilio Foglio e al pianista Michele Fazio, cofondatori del gruppo e autori degli arrangiamenti, ha firmato infatti tutti i brani dell’album. A completare la line-up della band l’eccellente sezione ritmica formata da Piero Orsini e Sandro De Bellis, rispettivamente al basso e alle percussioni. In conclusione, Find a Way è un lavoro eterogeneo e accurato che, una volta calcato ‘play’, si fa ascoltare fino alla fine, distendendo il cuore e l’anima. E soprattutto, cosa assai rara nella musica di oggi, non presenta controindicazioni né data di scadenza.

Newsletter

Guarda anche...

marta-capponi

Ballad Caffè, anche a giugno il jazz non si ferma

Musica dal vivo per tutti i gusti, ristorante, cocktail bar, bistrot, aperitivi, birre artigianali e …

Giuliana-Soscia--Pino-Jodice

Il quartetto di Giuliana Soscia & Pino Jodice incontra il sassofonista scozzese Tommy Smith

NORTH WIND (Cose Sonore/Self) è il risultato del connubio musicale e compositivo tra il jazz …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi