Home | Firenze | Sophia e Tricky in concerto al Viper Theatre di Firenze
sophia

Sophia e Tricky in concerto al Viper Theatre di Firenze

Pioniere del trip hop e storico collaboratore dei Massive Attack, Tricky torna a Firenze a capo del nuovo progetto solistico Skilled Mechanics, a cui ha iniziato a lavorare nella primavera dell’anno 2015, dopo la sua partenza da Berlino.

Appuntamento venerdì 11 novembre al Viper Theatre di Firenze (ore 21 – 15 euro prevendite www.boxol.it tel. 055 210804 – www.ticketone.it tel. 892 101 – info tel. 055.218647 / 055.0195912 – www.lndf.it) nell’ambito di una serata che, in apertura, vede sul palco anche i Sophia di Robin Proper-Sheppard.

Ricordiamo che il concerto di Tricky al Viper, previsto in origine per mercoledì 9 novembre, è stato posticipato per esigenze di produzione. Rimangono validi i biglietti di Tricky acquistati per il 9 novembre, in alternativa è possibile chiedere il rimborso entro il 10 novembre presso il punto vendita o circuito che ha rilasciato il tagliando.

Skilled Mechanics è una vera band, coniata da Tricky insieme compagni di vecchia data come DJ Milo – amico d’infanzia nonché membro del glorioso sound system The Wild Bunch – , il batterista/vocalist Luke Harris.

E aperta ai contributi di artisti diversissimi, della cantautrice danese Oh Land (“I’m Not Going” ) alla rapper cinese Ivy (“Beijing To Berlin”), dall’imprescindibile musa Francesca Belmonte (“We Begin”) alla voce di Renata Platon (“Unreal”).

Se per alcuni musicisti interrompere il lavoro da solista per formare una band è un segnale negativo, per Tricky rappresenta esattamente l’opposto. “Non ero più solo sul palcoscenico dai tempi del primo album, ‘Maxinquaye’, oltre venti anni fa. Avevo bisogno di cambiare. Ed è bello mettersi alla prova”.

Skilled Mechanics segna un’ulteriore evoluzione del percorso artistico di Adrian Thawsin, mai dimentico dei precetti trip hop del sound di Bristol ma altrettanto aperto a nuove suggestioni synth-pop, ballad crepuscolari in tre quarti, schegge di dance beat e pennellate rap.

Là dove Tricky faceva un passo indietro, lasciando ad altri il ruolo di vocalist, adesso si riprende il microfono. E canta se stesso, come nel singolo “Boy”, il brano più personale e intimo che abbia mai scritto, in cui riaffiorano ferite mai rimarginate della propria infanzia – la morte della madre quando aveva quattro anni, il padre mai presente, gli anni vissuti a casa della zia… : “Avrei potuto scrivere questo brano oltre 20 anni fa, ma era qualcosa che doveva venire fuori alla fine”.

SOPHIA – Dopo anni di assenza tranne un’unica data lo scorso anno a Bologna, Robin Proper-Sheppard e i suoi Sophia sono pronti a tornare in Italia per presentare l’ultimo lavoro “As We Make Our Way” (Unknown Harbours) anticipato da un singolo che, in questo adorabile mondo di tristezza e malinconia, è una delle composizioni più positive e uptempo mai composte dalla band: “Resisting”.

Il sesto album per la band di Robin Proper-Sheppard, dopo un silenzio durato quasi sette anni, è uscito per Flower Shop Recordings / Self ed è stato anticipato dal singolo “Resisting” una canzone che sebbene “viva” nelle stanze che i Sophia hanno sempre abitato lascia intravedere quanto il songwriting di Robin sia ancora in grado di stupire e mutare negli anni.

Certamente ci sono quel senso di tristezza e quel sentimentalismo denso di rimpianti che sono sempre stati la caratteristica delle composizioni di Robin. Ovviamente ci sono le chitarre acustiche ed i pianoforti struggenti che fanno parte della storia del suo songwriting. Queste caratteristiche di Robin e dei SOPHIA ci sono ancora. Ma prestate attenzione a quando partono i synth e la progressione della composizione, attendete la batteria che pulsa e introduce un muro di chitarre. Attendete il ritornello e poi? Poi riparte ancora. Creando un’atmosfera ritmica e vivace inedita per la band.

Un glaciale muro di rumore che lentamente muta calpestato dal ronzio della ritmica attraverso i cori che recitano “And I don’t know what we’re always resisting, Or what we’re even kicking against…”-

In qualche modo triste, ma anche positivo, “As We Make Our Way” che contiene 10 canzoni di altissimo livello, drammatiche e intense come solo i Sophia sono in grado di regalare al proprio pubblico, è un disco originale e unico che riporta peraltro in tour Sophia con la band al completo, dopo anni di tour da solisti!

Newsletter

Guarda anche...

Gio Sada

Giò Sada in concerto al Viper Theatre Firenze

Strano curriculum per un vincitore di X-Factor: cantante punk hardcore, cantautore, compositore, attore e perfino …

sophia

Sophia: da oggi in Italia per cinque date

Dopo anni di assenza, ad eccezione di un’unica data lo scorso anno a Bologna, Robin …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi