Home | Eventi | Esce il Morandini 2017: la copertina è per “La Pazza Gioia” di Virzì
il-morandini-2017

Esce il Morandini 2017: la copertina è per “La Pazza Gioia” di Virzì

Il Morandini 2017 sceglie LA PAZZA GIOIA. Il film di Paolo Virzì conquista la copertina della nuova edizione del Dizionario dei film e delle serie televisive (27.000 film, 16.500 su carta, 27.000 nella versione digitale). Riconoscimento che ogni anno viene assegnato dagli autori a una pellicola italiana della trascorsa stagione cinematografica. Così l’immagine alla “Thelma &Louise”, con le protagoniste dei film al volante di una decapottabile rossa, campeggia sulla prima pagina della bibbia dei cinefili. Il regista toscano “….Con toni spesso felici, ironici e teneri non vuole indorare la pillola, ma raccontare il dramma e infondere speranza e comprensione. L’unità di base delle inquadrature di Virzì è l’affetto, perché ama i personaggi che racconta. Profondo e leggero nello stesso tempo, il film appartiene a due generose, strepitose, intuitive attrici, Bruni Tedeschi e Ramazzotti; ogni altro elemento della messa in scena sembra al servizio della loro vitalità straripante. L’alchimia tra le due è perfetta”. Questa la motivazione che vale la copertina a Virzì e un 4 stelle di giudizio critico nella scheda del dizionario.

Voto che gli ha permesso di superare la concorrenza di altre pellicole italiane di successo della scorsa stagione come i pluripremiati LO CHIAMAVANO JEEG ROBOT dell’esordiente Gabriele Mainetti e PERFETTI SCONOSCIUTI di Paolo Genovese. Tre stelle e mezzo a entrambi. Così come all’ultimo di Checco Zalone “QUO VADO?” che ha sbancato il botteghino. Ma soprattutto sull’amore nel carcere minorile che è la storia di FIORE di Claudio Giovannesi (4 stelle).

Ma questo è l’anno dei documentari a 5 stelle: tante ne hanno ricevute (il massino giudizio) dagli autori del Morandini 2017 i lavori di Patricio Guzmàn “LA NOSTALGIA DELLA LUCE” (“Un documentario dalla struggente bellezza dove tutti sono alla ricerca continua del passato”); e “HUMAN” di Yann Arthus-Bertrand che è “…un abbacinante caleidoscopio sinfonico di pensieri, suoni, forme e colori, amalgamati in un unico flusso di coscienza che esprime l’unità dell’umanità attraverso la stupefacente varietà delle sue differenze”.

Tornando ai film: 4 stelle invece sono state assegnate a “THE HATEFUL EIGHT” di Tarantino che “…spiega la Storia agli adolescenti di oggi come fosse un costante percorso di vendetta, un apologo incattivito sulla società, nell’impossibile mescolanza di individui che mai potranno convivere pacificamente”. Quattro anche a LA GRANDE SCOMMESSA di Adam McKay e al premio Oscar IL CASO SPOTLIGHT di Thomas McCarthy. E al remake de IL LIBRO DELLA GIUNGLA di Wolfgang Reitherman. Con queste 4 stelle il lungometraggio è a tutti gli effetti il migliore di quelli tratti dal libro di Kipling. Sfogliando il Morandini infatti il classico cartone Disney del ‘67 ha soltanto 2 stelle!

Non convincono gli autori del dizionario il nuovo episodio della saga di STAR WARS. “Ritmo alacre, efficace montaggio in parallelo, ma il ginger glielo dà solo l’arzillo vecchietto Harrison Ford”. Riporta la scheda de LA MINACCIA FANTASMA di J.J. Abrams. Giudizio: 2 ½.

Lo stesso per FUOCOAMMARE: nonostante i premi alla Berlinale 2016 “il risultato appare frammentario, calligrafico e più poeticistico che poetico”. Perplessità anche per THE DANISH GIRL in cui “L’osannato Redmayne è insopportabile, tutto mossette, sbattute di ciglia e piccoli sospiri. La Vikander è bravissima”. Due e mezzo.
Tutte le novità del dizionario saranno presentate a BOOKCITY MILANO, Sabato 19 Novembre, ore 16, al Piccolo Teatro Grassi – sala Chiostro Nina Vinchi (via Rovello 2 – Milano). Con l’autrice Luisa Morandini, interverranno il critico cinematografico Steve Della Casa, Piera Detassis, critico e presidente della Fondazione Festival del Cinema di Roma. E altre personalità del mondo del cinema.

Il Morandini 2017 contiene una scelta di circa 700 serie televisive e 650 cortometraggi, selezionati tra le opere italiane più recenti o che hanno avuto segnalazioni nei festival.
Nella versione digitale trovano posto anche 7000 immagini di scena o locandine. Un’opera indispensabile da tenere accanto al televisore e nel computer, da consultare prima (e dopo!) aver visto un film.

Newsletter

Guarda anche...

nastri-dargento-2016

Nastri d’Argento 2016: vincono Paolo Virzì, Paolo Genovese e Gabriele Mainetti

Perfetti sconosciuti di Paolo Genovese, commedia dell’anno, Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti miglior …

la-pazza-gioia

La Pazza Gioia, il nuovo film di Paolo Virzi dal 17 maggio al cinema

La Pazza Gioia il nuovo film di Paolo Virzì con Valeria Bruni Tedeschi e Micaela …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi