Home | In Attualità | Segnalato in Italia un primo caso di difterite
vaccini

Segnalato in Italia un primo caso di difterite

In Italia circola il batterio che causa la difterite. A renderlo noto, nel corso del Congresso di pediatria a Firenze, il presidente dell’Istituto superiore di Sanità, Walter Ricciardi.

“Lo sappiamo – ha spiegato Ricciardi – perché si è verificato un primo caso di nodulo difterico, spia di un contatto con il batterio che non si è evoluto nella malattia, perché il microrganismo è stato contrastato dal sistema immunitario” del paziente. “Non posso dire dove l’episodio si è verificato” ha aggiunto Ricciardi, che è tornato a sottolineare i pericoli del calo delle vaccinazioni: “Ci attendiamo anche in Italia casi di malattie scomparse dal nostro territorio fino a poco tempo fa”. Non solo. “Oggi – ricorda – abbiamo 670 mila bambini non vaccinati contro il morbillo e 1,5 milioni di adolescenti e giovani adulti che dunque rischiano di contrarre questa malattia infettiva”.

Newsletter

Guarda anche...

vaccini

Obbligo dei vaccini a scuola. Via libera del Governo al decreto

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto, proposto dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin, …

vaccini

Via libera delle Regioni al Piano nazionale vaccini

Arriva il via libera della Conferenza delle Regioni al Piano nazionale vaccini 2017-19, che sarà …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi