Home | In News | Giornata dell’infanzia: i diritti di milioni di bambini vengono ancora oggi violati
UNICEF
CREDIT - UNICEF

Giornata dell’infanzia: i diritti di milioni di bambini vengono ancora oggi violati

In occasione della Giornata mondiale dell’infanzia (domani 20 novembre), secondo l’UNICEF, nonostante gli enormi progressi fatti dall’approvazione della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, nel 1989, i diritti di milioni di bambini vengono ancora oggi quotidianamente violati. Nonostante i grandi progressi fatti, a livello globale, nelle ultime decadi in favore dei bambini, sono circa 6 milioni quelli che ancora muoiono ogni anno per cause prevenibili – i bambini che provengono da famiglie povere hanno il doppio delle probabilità di morire prima di compiere cinque anni rispetto a quelli di famiglie benestanti.

Circa 50 milioni di bambini sono stati sradicati dalle loro case, di questi 28 milioni sono sfollati a causa del conflitto.

I bambini intrappolati in aree sotto assedio – compresa la Siria, l’Iraq e la Nigeria del Nord – corrono maggiori rischi di vedere i loro diritti violati, a causa degli attacchi contro le scuole, gli ospedali e le loro case. A livello globale, circa 250 milioni vivono in paesi colpiti dal conflitto.

Circa 385 milioni di persone vivono in condizioni di povertà estrema e più di 250 milioni di bambini in età scolare non stanno ricevendo un’istruzione. Circa 300 milioni di bambini vivono in aree in cui si raggiungono i livelli più alti al mondo di inquinamento esterno dell’aria, superando di sei volte o più le linee guida internazionali.

“I conflitti, le crisi e una devastante povertà mettono a rischio le vite e il futuro di milioni di bambini. Anche per questo, proteggere i diritti dei minori è più urgente che mai ed è inoltre fondamentale per costruire società più forti e stabili”, ha dichiarato Giacomo Guerrera, Presidente dell’UNICEF Italia. “Dobbiamo fermare queste violazioni, investendo di più per raggiungere i bambini maggiormente vulnerabili, altrimenti pagheremo il prezzo di un rallentamento della crescita, di una maggiore disuguaglianza e di una minore stabilità.”

L’Italia ha ratificato la Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza (CRC) nel 1991. La CRC è stato il trattato per i diritti umani più rapidamente e più largamente ratificato al mondo e ha fissato degli standard fondamentali e universali in favore di un’infanzia sana, protetta e dignitosa per ogni essere umano.

Il prossimo mese, l’UNICEF celebrerà i 70 anni di attività, durante i quali ha portato aiuti d’emergenza, assistenza di lungo periodo e speranza a bambini le cui vite e il cui futuro sono stati messi a rischio dal conflitto, dalle crisi, dalla povertà, dalle disuguaglianze e dalla discriminazione. “Ogni bambino ha diritto di crescere forte e in salute, di ricevere un’istruzione e protezione, e di avere nella vita le stesse opportunità dei suoi coetanei”, ha dichiarato Giacomo Guerrera, Presidente dell’UNICEF Italia. “Il nostro impegno nei confronti dei diritti dei bambini deve essere combinato ad azioni concrete per tutti i bambini.”

Newsletter

Guarda anche...

unicef

UNICEF su Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

“In occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, come UNICEF Italia vogliamo ricordare …

unicef

UNICEF: polmonite e diarrea uccidono 1,4 milioni di bambini ogni anno

La polmonite e la diarrea insieme, ogni anno, uccidono 1,4 milioni di bambini, la maggior …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi