Home | In Attualità | Giubileo: Papa Francesco chiude la Porta Santa a San Pietro
papa-francesco

Giubileo: Papa Francesco chiude la Porta Santa a San Pietro

Questa mattina Papa Francesco ha chiuso i battenti della porta di bronzo del Consorti nella Basilica di San Pietro, l’ultima Porta Santa rimasta aperta nel mondo, per concludere il Giubileo Straordinario della Misericordia aperto ufficialmente l’8 dicembre scorso. In questo Giubileo della Misericordia, circa 22 milioni di persone hanno attraversato la Porta Santa di San Pietro.

“Chiudiamo oggi la Porta Santa, ringraziando Dio per averci concesso questo tempo straordinario di grazia” scrive Papa Francesco in un messaggio su twitter. “Il Giubileo della Misericordia, che oggi si conclude, continui a portare frutti nei cuori e nelle opere dei credenti”, spiega il Santo Padre.

Per la prima volta nella storia, il Papa ha voluto che il Giubileo fosse davvero diffuso, celebrato in tutte le cattedrali del mondo. E’ per questo che, simbolicamente, ha potuto anticiparne l’apertura dalla cattedrale della martoriata Bangui, nel Centrafrica, il 29 novembre durante il suo viaggio apostolico. Gli ultimi sono stati il cardine dell’Anno Santo: i carcerati, gli ammalati, gli esclusi, i disabili. L’Unitalsi (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali) ha fatto sapere che in questi mesi sono stati accolti oltre 50mila pellegrini disabili e malati. Oggi alla cerimonia di chiusura assistono le alte cariche dello Stato: il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e il premier, Matteo Renzi. Tra i presenti, anche la sindaca della capitale, Virginia Raggi.

Il bilancio delle presenze per la città di Roma è inclemente: a parte qualche picco di presenze per alcuni grandi eventi, come l’esposizione delle spoglie di Padre Pio e la santificazione di Madre Teresa di Calcutta, l’arrivo dei pellegrini a Roma è stato costante ma mai troppo affollato. Molto ha fatto la paura degli attacchi terroristici, così come la possibilità di avere il Giubileo nella cattedrale della propria città, nelle carceri, negli ospedali. Guai però, per il ‘regista’ dell’Anno Santo, monsignor Rino Fisichella, a parlare di “flop”: “Alla fantasia non c’è mai limite. Le notizie si danno con i numeri e non con la fantasia. Qualcuno invece di parlare con me ha preferito spettegolare con qualche ufficiale della Curia Romana” ha commentato, assicurando che per la fine dell’evento saranno passati sotto le porte sante di Roma più di 20 milioni di pellegrini.

In eredità, ha detto monsignor Fisichella, il Giubileo lascia “la grande gioia innanzitutto provocata dal mettere di nuovo al centro della vita della Chiesa la misericordia”. La volontà di Papa Francesco, al di là dei numeri, era che l’Anno Santo non fosse tanto un anno di clamore, quanto un’occasione di riflessione e riscatto. Lo dimostra una delle iniziative più significative che ha voluto adottare: i venerdì della misericordia. Per un venerdì di ogni mese dell’anno, il Papa si è recato personalmente a sorpresa, senza telecamere, a far visita agli ultimi: come quando, il 18 dicembre, pochi giorni dopo l’inaugurazione del Giubileo, ha aperto una porta santa nell’ostello ‘Don Luigi Di Liegro’, della Caritas di Roma, a pochi passi dalla stazione Termini. O come quando, il 24 marzo, ha lavato i piedi ai giovani profughi ospiti del Cara di Castelnuovo di Porto, o, ancora, il 26 febbraio, ha fatto visita ai ragazzi tossicodipendenti in cura nel Ceis-Centro italiano di solidarietà ‘don Mario Picchi’.

Newsletter

Guarda anche...

geppo

Geppo: dal 13 dicembre al Teatro Marconi di Roma con “Mi basta un Wi Fi”

Simone Metalli, in arte Geppo viene dal web. Le sue barzellette davanti al mitico cancello …

stella-black

Stella Black di e con Paola Casale al Teatro Tordinona di Roma

Stella Black è rock e naïf ma non solo. Si innamora platonicamente di tutti senza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi