Home | In Cultura | Torna a Roma la rassegna EXIT-Emergenze Per Identità Teatrali

Torna a Roma la rassegna EXIT-Emergenze Per Identità Teatrali

Con un grande network di compagnie e artisti della Regione Lazio, torna a Roma la rassegna EXIT-Emergenze Per Identità Teatrali, nona edizione, rassegna multidisciplinare ideata e realizzata dalle compagnie aderenti alla Fed. It. Art. Federazione Italiana Artisti, al Teatro dell’Orologio dal 22 novembre al 4 dicembre 2016.

Mercoledì 23 e giovedì 24 novembre, ore 21.30 – Walden in collaborazione con Un rigo si e un rigo no presenta CON LA BOCCA PIENA DI SPILLE drammaturgia e musica Martina Tiberti, regia Raffaele Balzano, con Patrizia Ciabatta e Marco Zordan.

Con la bocca piena di spille, racconta il percorso visionario di una giovane donna verso la liberazione dalle proprie ossessioni quotidiane. Attraverso le parole di un venditore ambulante incuriosito dalle pagine di un diario, entriamo nella vita di Leda. In un crescendo di eventi surreali, la ragazza prende coscienza della mediocrità cui le sue giornate sono confinate. Quella di Leda è una disgregazione del sé che non cade mai nel vittimismo ma si spoglia con ironia di ogni figura che l’anima non riconosce come propria: in una danza liberatoria i vestiti le cadono di dosso, fino a che sullo specchio non resta che la traccia di un’ombra, il riflesso di una figura femminile sul punto di dileguarsi. Anche le parole sul diario svaniscono: dopo un’ultima frase misteriosa c’è il bianco. Con la bocca piena di spille indaga il rapporto tra il nostro corpo e il nostro passato. Un rituale immaginario in cui ognuno ritroverà un pezzo di se stesso.

NOTE DI REGIA – Lo spettacolo si muove tra presente e passato. Il venditore ambulante ci racconta la storia di Leda attraverso le parole di un diario ritrovato tra gli oggetti che abbelliscono il suo museo. Dalle parole del diario Leda prende vita scenica. La vediamo alle prese con le responsabilità del suo lavoro, ed un attimo dopo immersa nei momenti surreali che sconvolgono la sua vita perfetta e che paradossalmente fanno un po’ compagnia alla sua solitudine. Se pur confinati in momenti temporali diversi, i due protagonisti avranno la possibilità di incontrarsi e regalare qualcosa l’uno all’altra.

Newsletter

Guarda anche...

sconfinamenti-in-viaggio-tra-arte-e-poesia

Sconfinamenti in viaggio tra arte e poesia ai Musei di Villa Torlonia

Il “viaggio”, partito a giugno dal Museo Diocesano di Genova nell’ambito del Festival Internazionale di …

geppo

Geppo: dal 13 dicembre al Teatro Marconi di Roma con “Mi basta un Wi Fi”

Simone Metalli, in arte Geppo viene dal web. Le sue barzellette davanti al mitico cancello …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi