Home | Milano | Tra jazz, blues, funk e soul arriva in Italia il basso agitato di Miles Mosley

Tra jazz, blues, funk e soul arriva in Italia il basso agitato di Miles Mosley

Con il suo intenso virtuosismo e uno davvero stile unico arriva in Italia Miles Mosley per tre appuntamenti per presentare il suo nuovo progetto discografico, Uprising. Il contrabbassista, considerato uno tra i migliori al mondo, sarà lunedì 10 aprile al Serraglio di Milano, martedì 11 aprile al Locomotiv Club di Bologna e mercoledì 12 aprile al Monk di Roma. I biglietti saranno disponibili sul circuito ufficiale Ticketone dalle ore 11 di venerdì 9 dicembre.

Miles Mosley ha raggiunto l’apice quest’anno con la forza magnetica del suo nuovo singolo Abraham, che in pochissimo tempo ha catturato l’attenzione di stampa e critica. Negli ultimi anni il virtuoso contrabbassista di Los Angeles ha raggiunto vette professionali importantissimi e il suo nuovo album, Uprising, in uscita a fine gennaio per l’Alpha Pup Records, è davvero molto atteso. Il nuovo singolo appena rilasciato, Young Lion, irrompe con grande energia, con una sezione ritmica propulsiva e una forma lirica di gran gusto. Un inizio perfetto per Uprising che racchiude una vasta gamma di dinamiche, generi e forme di espressione all’interno dello stesso album. Mosley sintetizza così il suo per il songwriting con lo sguardo innovativo sulla musica e il virtuosismo che lo contraddistinguono, per creare un’opera intima, con melodie che la gente può canticchiare con facilità e che arrivino dirette al cuore. Il tutto oscilla e si muove abilmente tra pop, jazz, blues, funk e soul.

Miles Mosley è una vera forza della natura con il suo contrabbasso, i pedali ed effetti, il suo arco, la voce e la sezione di fiati che lo accompagna. Oltre alla sua carriera da solista e con la sua band, Mosley ha suonato, registrato, prodotto ed è stato in tour con artisti del calibro di Chris Cornell, Christina Aguilera, Sean King, Mos Def, India Arie, Lauryn Hill, Terrence Howard, Jonathan Davis of Korn, Avenged Sevenfold, Jason Mraz, Jeff Beck, Rihanna, e Cee Lo Green. Definito come il Jimi Hendrix del contrabbasso, Mosley ha registrato tre brani di To Pimp a Butterfly, album che è valso il Grammy a Kendrick Lamar, ed è il bassista di The Epic, l’album che ha fatto la fortuna di Kamasi Washington.

Newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi