Home | Tempo d'Europa | Il 2017 anno del cambiamento: dall’austerità alla crescita

Il 2017 anno del cambiamento: dall’austerità alla crescita

L’anno del cambiamento, dall’austerità alla crescita, fino alla flessibilità nelle politiche economiche. E’ la svolta già delineata nel 2016 dalla Commissione Europea, a partire dalla flessibilità supplementare all’Italia e delle sanzioni sospese nei confronti di Spagna e Portogallo per i target mancati sul deficit. Un percorso che dovrebbe rafforzarsi nel 2017. Bruxelles, per il prossimo anno, ha chiesto infatti una politica di bilancio espansiva per l’intera eurozona, scontrandosi con i ‘falchi’ dell’Eurogruppo, mentre ha invitato Berlino con nuova insistenza a fare investimenti utili per tutta l’area della moneta unica.

Il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, l’aveva promesso fin da febbraio, annunciando che il suo esecutivo non avrebbe seguito “stupide politiche di austerità”. Al contrario, avrebbe seguito la strada della “flessibilità intelligente”, da lui voluta e rivendicata, in grado di estendere l’interpretazione delle regole a beneficio dei Paesi in difficoltà sul risanamento. E’ il caso dell’Italia, che grazie alla flessibilità concessa a maggio su migranti, sicurezza e terremoto è riuscita a non violare ‘gravemente’ il Patto di stabilità, guadagnandosi la promozione della legge di stabilità, anche moderatamente espansiva. Ma il malumore di quanti, nell’Eurozona, non accettano di rottamare il consolidamento dei conti, a giugno si era già fatto sentire attraverso il presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, da sempre contrario ad un allentamento delle regole. Nonostante questo, la Commissione è andata avanti, con a luglio la ‘grazia’ per Spagna e Portogallo, e a novembre il via libera alla manovra italiana.

Newsletter

Guarda anche...

Jean-Claude Juncker

Migranti. Jean Claude Juncker: “non possiamo abbandonare né l’Italia né la Grecia”

“Da molto tempo come Commissione siamo convinti che non possiamo abbandonare né l’Italia né la …

Jean-Claude Juncker

Migranti. Jean-Claude Juncker: “L’Italia ha salvato l’onore dell’Europa”

“Non c’è abbastanza solidarietà in Europa, la solidarietà è il grande assente. L’Italia, fin dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi