Home | Tempo d'Europa | Antonio Tajani su terremoto Centro Italia: “Accelerare erogazione dei fondi UE”

Antonio Tajani su terremoto Centro Italia: “Accelerare erogazione dei fondi UE”

“A nome del Parlamento voglio inviare un messaggio di solidarietà e farò di tutto affinché la Commissione europea possa accelerare i tempi per erogare il fondo di solidarietà con il nostro sostegno”, ha detto il Presidente Tajani intervenendo in Aula giovedì.

In apertura dei lavori di giovedì della sessione plenaria a Strasburgo, il Presidente Tajani ha detto: “Devo comunicare all’Assemblea che a seguito delle numerosissime scosse di terremoto che hanno colpito l’Italia, una valanga ha sommerso un albergo. Ci sono trenta dispersi, anche bambini, la situazione meteorologica è bruttissima. Il soccorso alpino della Guardia di finanza ha raggiunto l’albergo dopo sei ore di marcia sugli sci perché tutte le strade erano bloccate e si sta cercando con i cani anti-valanga di vedere se i dispersi, come ci auguriamo tutti, siano sopravvissuti.

Due persone sono state salvate, ma certamente la situazione non è delle migliori. La popolazione è stremata. Da ieri a mezzanotte a stamattina ci sono state circa ottanta scosse di terremoto. Negli scorsi giorni sono state centinaia le scosse, i giornali di tutto il mondo ne parlano. I cittadini sono terrorizzati, la situazione meteorologica è pessima.

A nome del Parlamento voglio inviare un messaggio di solidarietà e farò di tutto affinché la Commissione europea possa accelerare i tempi per erogare il fondo di solidarietà con il nostro sostegno.

La situazione è disastrosa. Il terremoto ha provocato una valanga, che ha sommerso un albergo. Ho parlato con il comandante generale della Guardia di finanza. L’ho ringraziato per il lavoro svolto perché sei ore di marcia sono tante. Ringrazio il Presidente Juncker e il Commissario Stylianidis per la vicinanza espressa.

Dovremo fare di tutto per rispondere ai cittadini ma soprattutto, come mi ha detto il Presidente della Protezione civile, loro chiedono solidarietà. Vi ringrazio come italiano e soprattutto come Presidente del Parlamento europeo per la solidarietà che vorrete inviare ai miei compatrioti.”

Salvatore Cicu: “L’Europa velocizzi subito sui fondi di solidarietà. Prevenzione ed emergenza al centro delle politiche europee” – “L’Italia sia il centro delle politiche europee in fatto di prevenzione ed emergenza. il terremoto del centro Italia di queste ore ci mostra, ormai senza più rinvii, la necessità di un ruolo forte da parte dell’Europa sulle calamità che si susseguono”. È l’appello dell’eurodeputato del PPE Salvatore Cicu sul disastro sismico che hanno devastato le comunità del Mezzogiorno. “Il monito del Presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, non passi inosservato – ha dichiarato Cicu – la Commissione Europea acceleri sui Fondi di Solidarietà. L’approvazione del nuovo Dossier, di cui personalmente mi sono occupato, ci impone cambiamenti importanti con una velocizzazione nell’allocazione delle risorse, che ora passa da 6 a 4 settimane, e soprattutto, l’incremento della soglia di anticipo dei fondi dal 10% al 15%. Questo corrisponde ad affiancamento forte alle comunità colpite dal sisma, agendo con misure di intervento immediato che consentono di affrontare la riparazione dei danni subiti pianificando di misure di prevenzione”. Non solo. Per Cicu, “dato il carattere eccezionale della situazione occorre escludere dal calcolo del deficit nazionale gli investimenti dedicati a misure di ricostruzione e prevenzione antisismica dei territori colpiti dal terremoto”.

Newsletter

Guarda anche...

Antonio Tajani

Giornata mondiale del Turismo: Antonio Tajani apre dibattito sul futuro del settore nella plenaria del Parlamento europeo

Il turismo è un settore strategico per tutti i Paesi dell’Unione. Oltre ad assicurare il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi