Home | Tempo d'Europa | Lezioni dalla storia: il Parlamento commemora le vittime dell’Olocausto

Lezioni dalla storia: il Parlamento commemora le vittime dell’Olocausto

I parlamentari europei, assieme a rappresentanti della comunità ebraica e ad altri ospiti, hanno partecipato a Bruxelles a un’iniziativa per celebrare la prossima Giornata della memoria. Circa 6 milioni di ebrei morirono nei campi di concentramento nazisti negli anni ‘40. Utilizzando l’appellativo di “peggiore tragedia della storia europea”, il presidente Tajani ha detto: “ricordare non è soltanto un gesto di commemorazione. È un processo cruciale per evitare di ripetere gli stessi errori.

Tajani ha espresso rammarico per la persistenza di crimini d’odio contro gli ebrei anche oggi e per la diminuzione della popolazione ebraica in Europa. Ha anche sottolineato l’importanza “del ricordo dei terribili errori del passato per avere sempre in mente che l’Europa è stata capace di imparare le lezioni della storia per un futuro basato su libertà, democrazia e rispetto dei diritti umani”.

Il presidente del Congresso ebraico europeo, il dottor Moshe Kantor, ha spiegato: “Noi, ebrei europei, vogliamo rimanere in Europa ed essere leali come siamo sempre stati. Contiamo che l’Europa continui a mostrarci la stessa lealtà, una lealtà che si base sull’idea che noi ebrei possiamo avere un futuro in questo continente”.

A parlare è stata anche l’ambasciatrice Unesco per l’educazione sull’Olocausto Beate Klarsfeld, che investigò i crimini compiuti dai nazisti e aiutò a portare a giudizio molti ex militari e funzionari, si è concentrata sulla trasformazione della Germania negli anni successivi all’Olocausto: “Una nuova nazione, una nuova anima”. Klarsfeld ha anche messo in guardia sulla riemersione di xenofobia e razzismo in relazione all’attuale crisi migratoria: “Ognuno di noi deve essere vigilante e dedicarsi all’impegno civico”.

Tra i partecipanti alla cerimonia, era presente anche l’ex premier inglese Tony Blair che presiede il Consiglio europeo per la tolleranza e la riconciliazione e il regista cinematografico Andrei Knotchalovsky, che è stato premiato con una medaglia per il suo lavoro cinematografico contro l’estremismo e l’intolleranza.

La giornata internazionale della memoria si svolge il 27 gennaio di ogni anno, in ricordo del giorno in cui le truppe sovietiche liberarono il campo di sterminio di Auschwitz.

Newsletter

Guarda anche...

Giornata-della-memoria

27 gennaio, Giorno della Memoria

La ricorrenza del 27 gennaio, Giorno della Memoria, è stata istituita in Italia con la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi