Home | Sanremo 2017 | Al Festival di Sanremo 2017 “Orquesta de Reciclados de Cateura” – Testimonial UNICEF
Orquesta de Reciclados de Cateura

Al Festival di Sanremo 2017 “Orquesta de Reciclados de Cateura” – Testimonial UNICEF

Oggi 9 febbraio, su RAI1, nel corso della terza puntata del Festival di Sanremo 2017, sul palco del teatro Ariston, si esibirà “L’Orquesta de Reciclados de Cateura” – testimonial UNICEF: 28 talenti di età compresa tra i 10 e i 30 anni, direttamente dal Paraguay.

“L’Orquesta de Reciclados de Cateura” è un gruppo musicale, creato e diretto dal maestro Favio Chaves, che suona strumenti musicali realizzati, dagli stessi ragazzi, con materiali riciclati da rifiuti. Tutti questi bambini, ragazzi e ragazze vivono presso il poverissimo insediamento informale di “Catuera”, che sorge sopra una discarica vicino la capitale, Asunción.

“Il mondo ci regala spazzatura, noi gli restituiamo la musica” – Favio Chavez, maestro di musica dell’Orquesta de Reciclados de Cateura.

Gli strumenti realizzati dai ragazzi dell’Orquesta riproducono violini, viole, violoncelli, contrabbassi, chitarre, flauti, sassofoni, trombe, tromboni e strumenti a percussione. Il repertorio dell’Orquesta comprende generi molto diversi, dalla musica classica a quella paraguaiana e latino americana, dai Beatles a Frank Sinatra, dalle colonne sonore dei film all’heavy metal sinfonico.

L’Orquesta de Reciclados rappresenta per i bambini e giovani che vivono in condizioni di vulnerabilità e di esclusione sociale nei pressi di Cateura e in tutto il Paraguay, un esempio e un’opportunità per imparare a suonare. Grazie a Sanremo, l’UNICEF potrà raccontare come la musica ha permesso ai bambini del Paraguay di sognare un futuro diverso.

Il Paraguay è uno dei paesi più poveri dell’America latina: 1 bambino su 6 sotto i 5 anni è malnutrito, la maggior parte vive nelle campagne. Dei bambini in età scolare, 1 su 3 ha subito violenze in famiglia. Decine di migliaia di bambini sono costretti a lavorare. Solo nell’industria della canna da zucchero lavorano oltre 50mila bambini. In Paraguay, l’UNICEF porta avanti, tra le sue diverse attività, anche il programma ‘Abrazo’ (Abbraccio) con l’obiettivo di eliminare il lavoro dei bambini di strada. Sono stati aperti 37 centri che forniscono assistenza medica e supporto scolastico. Grazie a questo progetto l’UNICEF aiuta le famiglie con un piccolo contributo economico mensile per evitare che i bambini debbano lavorare.

L’UNICEF anche attraverso la musica e l’arte sostiene i talenti e i prodigi dei bambini in campo artistico e culturale, incoraggia i loro sogni e le speranze, li aiuta a dimenticare traumi e paure negli scenari più difficili della terra e aiuta i bambini soli e in fuga di ricostruire la propria vita.
Come i bambini di Cateura, tanti altri bambini hanno un sogno e per realizzarlo hanno bisogno di opportunità.

L’UNICEF promuove la musica, la danza e il canto per garantire ai bambini non solo il diritto alla sopravvivenza, alla salute e all’istruzione ma anche l’opportunità di sognare e realizzare un futuro migliore, nonostante povertà, guerra e fame. Per esempio in Libano, che ospita oltre un milione di rifugiati siriani in fuga dalla guerra, l’UNICEF sostiene il progetto “Hoops Club” che permette alle ragazze e ai ragazzi più vulnerabili di studiare, fare sport, coltivare la musica e il canto, tutte attività importanti per alleviare la durezza della loro condizione di rifugiati.

Per dare a tanti bambini l’opportunità di trasformare i loro sogni in realtà è possibile sostenere l’UNICEF attraverso il sito web www.unicef.it o utilizzando il numero solidale 45566 per donare: 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari TIM, Vodafone, WIND TRE, CoopVoce; 2 euro per ciascuna chiamata fatta da rete fissa Vodafone; 2 oppure 5 euro per ciascuna chiamata effettuata da rete fissa TIM e Infostrada.

L’UNICEF ringrazia TIM per il sostegno offerto a questa iniziativa.

Newsletter

Guarda anche...

unicef

Unicef per la Giornata mondiale dell’Infanzia

L’UNICEF ha annunciato che il Goodwill Ambassador dell’UNICEF, David Beckham, la presidente del Cile Michelle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi