Home | Teatro | Lieder e Tablet: un rapporto d’Amore al Teatro Sala Umberto di Roma
Lorenzo-Porta-Del-Lungo

Lieder e Tablet: un rapporto d’Amore al Teatro Sala Umberto di Roma

Che cosa succede quando i nativi digitali incontrano la grande classica? Quando i giovanissimi cresciuti a pane e social scoprono che l’adolescenza è stata narrata in tutta la sua difficoltà nelle note fuori tempo di artisti universalmente riconosciuti?

Tra Lieder e Tablet, ecco che nasce un rapporto d’amore.

Amori difficili, incomunicabilità della propria realtà più profonda, separazioni dolorose, gioia, depressione: questi sembrano gli elementi caratterizzanti degli adolescenti contemporanei…sono invece i temi di pezzi e brani musicali classici ineguagliabili, come quelli di Schubert, Debussy e Schumann che saranno protagonisti il 12 marzo al Teatro Sala Umberto in uno speciale dialogo con le nuove generazioni.

Tratto da una storia vera: Federica e Edoardo, una coppia di giovanissimi, dal volto perennemente illuminato dalla luce dei loro tablet, su cui digitano senza sosta messaggi sui social, sono invitati ad un concerto di lieder, musica mai sentita prima e che non riescono nemmeno a collocare con sicurezza in uno dei periodi storici studiati a scuola. Inizialmente riluttanti, finiscono per accorgersi che i testi di questi meravigliosi pezzi parlano di passione, incomprensione, senso di inadeguatezza, proprio come tanti dei loro messaggi whatsup, però stranamente non vi trovano traccia di esibizionismo o narcisismo…

Cominciano allora ad apprezzare la qualità straordinaria della musica che li racconta, per loro assolutamente nuova, e la poesia con cui le immagini sono rappresentate, appassionandosi insieme all’ascolto.

Oggi, Federica Argenio ed Edoardo Lecce sono protagonisti di “Lieder e Tablet: un rapporto d’amore” Teatro Sala Umberto 12 marzo – Roma), e per dimostrare che la bellezza universale non ha limite di spazio e tempo, nella storica sala del Teatro Sala Umberto di Roma affiancheranno artisti del calibro di Bruna Tredicine, soprano, Francesco Giannelli, tenore, Leonardo Abbruzzo, clarinetto, e il Maestro Lorenzo Porta del Lungo al pianoforte con i loro dialoghi. Per dare voce a sentimenti ed emozioni in una narrazione unica tra musica di ieri e parole di oggi.

Musiche di F. Schubert (Im Fruhling, Die Forelle, An die Musik, Gesang – An Sylvia -, Der Hirt auf dem Felsen), R. Schumann (In der Nacht – duetto, da Nyrten Widmung, Dichterliebe nn. I, VI, VII.), Debussy (Beau Soir, Clair de Lune, Mandoline, Fantoches).

Newsletter

Guarda anche...

korea-week

Korea Week a Roma: una settimana alla scoperta dell’universo coreano

Apre domani la Korea Week con la Cerimonia del Tè, rituale senza tempo, da apprezzare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi