Home | In News | Turismo: Regione Abruzzo e governo accanto ai balneatori

Turismo: Regione Abruzzo e governo accanto ai balneatori

“Non bisogna ululare alla luna, ma invece occorre mettersi insieme al lavoro per spingere gli altri interlocutori istituzionali ad adottare le scelte piu’ giuste”. Lo ha detto, questa mattina a Pescara, il presidente della giunta regionale Luciano D’Alfonso, nel corso di un incontro promosso dai sindacati balneatori di Confcommercio e Confesercenti, a cui e’ intervenuto il Ministro per gli Affari regionali Enrico Costa. Al centro del confronto la legge delega, in discussione al Parlamento, sul riordino delle concessioni balneari, che dovra’ normare il recepimento della Direttiva Bolkenstein dell’Ue, la quale prevede la messa all’asta delle stesse concessioni, una volta arrivate a scadenza. Per D’Alfonso e’ indispensabile perseguire quello che il presidente definisce “dialogo competitivo avanzato”, che si fonda su alcuni punti di forza a tutela delle legittime istanze degli operatori di un settore strategico non solo dal punto di vista turistico, ma che si occupa della manutenzione e della cura di vaste porzioni di litorale. Aree a cui sono legate molteplici attivita’ economiche, non limitate esclusivamente agli stabilimenti balneari, ma che comprendono anche la ricettivita’, il commercio, l’intrattenimento. “Un patrimonio che non puo’ essere compromesso da coloro che vedono in questa partita solo una competizione – ha sottolineato D’Alfonso – anche perche’ va preservato il diritto all’insistenza delle imprese esistenti, che sono riuscite a coniugare l’amministrazione dello spazio con la capacita’, la passione e l’esperienza delle persone a gestirlo. E’ una peculiarita’ tutta italiana, che va riconosciuta e tutelata in sede europea”. Il presidente ha fatto riferimento anche alle proposte di legge depositate su questo tema in Consiglio regionale, “che non sono state ancora discusse – ha rimarcato – semplicemente perche’ e’ fondamentale individuare prima la strada piu’ efficace da percorrere, per evitare di ritrovarsi con un dettato inutile o, peggio ancora, in contrasto con le normative nazionali ed europee. Io sono convinto che si debba avere il coraggio di osare, perche’ i balneatori svolgono una funzione irrinunciabile nelle nostre comunita’: rendono vivo e presidiano il territorio, che altrimenti rischierebbe di vedere un arretramento di civilta’, con tutte le drammatiche conseguenze che ne deriverebbero”. Il Ministro Costa, invece, ha posto l’accento sulla mancanza – finora – di una normativa organica che regolamenti il settore nel rispetto delle direttive europee. Di qui la necessita’ di invertire la tendenza, evitando di procedere in ordine sparso come avvenuto negli ultimi anni. Un processo complesso in cui Costa ha auspicato un coinvolgimento forte e responsabile sia degli operatori del comparto, sia degli enti locali.

 

Newsletter

Guarda anche...

ischia

Terremoto. Ischia: inalterati i servizi turistici

L’evento sismico, che ha colpito ieri sera un piccolo borgo della zona montana del comune …

mare

Estate 2017: oltre 22 mln di italiani sono rimasti in Italia

Oltre 22 mln di italiani sono rimasti in Italia e di questi 7 su 10 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi