Home | In News | Rinasce il Porto turistico di Ostia

Rinasce il Porto turistico di Ostia

Una grande struttura integrata in grado di accogliere a Roma centinaia di imbarcazioni turistiche, ma anche un luogo di incontro, gioco, sport, arte, cinema e musica aperto a tutti, con un ricco programma di eventi e di progetti, all’insegna della legalità. È il Porto Turistico di Roma, a Ostia, il cui piano di rilancio è stato presentato alla presenza tra gli altri del governatore Nicola Zingaretti. Gestito da luglio scorso dall’amministratore giudiziario Donato Pezzuto, il Porto ha avviato un piano di riqualificazione della marina, aprendo le porte a tutte le federazioni sportive e mettendo in calendario una lunga serie di manifestazioni, prima delle quali sarà il Campionato Italiano Classi Olimpiche di Vela, in programma dal 16 al 19 marzo. In occasione della conferenza stampa è stato presentato anche il nuovo logo del Porto Turistico di Roma, realizzato dall’agenzia Hdrà, che ha gestito tutte le attività di comunicazione. Il Porto Turistico di Roma è stato inaugurato nel 2001.

Progettato e realizzato secondo i concept più innovativi delle marine nazionali, il Porto Turistico di Roma nasce con l’obiettivo di tradurre le esigenze degli utenti nelle declinazioni più moderne. La struttura si sviluppa su una superficie di circa 22 ettari e dispone di 16 pontili fissi e 840 posti barca per lunghezze comprese fra gli 8 e i 60 metri.

“Noi vorremmo che chi vuole praticare lo sport lo faccia gratuitamente nel porto turistico di Roma restituito. Lanceremo per le federazioni sportive un bando per sostenere questa ‘start up'”, ha annunciato Zingaretti. “Quando ci siamo insediati, sette mesi fa – ha affermato Pezzuto – abbiamo trovato una situazione disastrosa. La struttura portuale era gestita da una società fallita nel 2013.

Abbiamo affrontato innumerevoli problematiche, un abbandono diffuso, un disinteresse generale, cercando di rimettere ordine per rimuovere le criticità. Abbiamo costruito insieme al giudice delegato un programma di gestione e un piano industriale e finanziario con obiettivi per la realizzazione di un progetto imprenditoriale di alto contenuto sociale”. “È un bel momento per noi e per la città perché i beni sequestrati alla criminalità vengono messi a disposizione della collettività” il commento del vicesindaco di Roma Luca Bergamo, intervenuto all’iniziativa. Secondo il procuratore generale della Repubblica di Roma Giovanni Salvi “il lavoro che si sta facendo al Porto di Roma è prezioso, perché le confische possono diventare un boomerang, facendo sì che si pensi che le organizzazioni criminali danno lavoro e lo Stato fa fallire le imprese. Questo non è accettabile”. Gli ha fatto eco Francesco Monastero, presidente del Tribunale di Roma: “Questo paradossalmente è un dissequestro: i beni prima erano di fatto confiscati da qualcuno e ora sono tornati nella disponibilità di tutti”.

Newsletter

Guarda anche...

Media Art Festival

Torna a Roma il Media Art Festival

Nella prestigiosa cornice del MAXXI, il Museo nazionale delle arti del XXI secolo, dal 27 …

enrico-lo-verso

Enrico Lo Verso in “Uno Nessuno Centomila” in scena alla Sala Umberto di Roma

Uno spettacolo su l’ultimo romanzo di Luigi Pirandello , in occasione del 150esimo anniversario della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi