Home | Tempo d'Europa | Satelliti Galileo: nella gara UE fuori Leonardo-Finmeccanica, favorita la Germania

Satelliti Galileo: nella gara UE fuori Leonardo-Finmeccanica, favorita la Germania

«La gara europea per lo sviluppo del sistema di satelliti Galileo è una partita cruciale per tutta Europa: è inaccettabile che a gestirla sia la sola Germania. Se il bando per il 3° lotto fosse aggiudicato scegliendo a priori la strada del fornitore unico (single sourcing) invece che a due fornitori (double sourcing), di fatto la commessa finirebbe direttamente nelle mani esclusive della tedesca OHB, escludendo Thales Alenia Space, la joint venture con Leonardo-Finmeccanica, consorzio guidato dall’Italia e composto anche da Francia, Spagna e Belgio».

E’ quanto dichiara l’eurodeputato di Forza Italia-PPE Massimiliano Salini alla luce dell’orientamento dall’Agenzia Spaziale Europea a favore della soluzione unica e delle pressioni che la Germania avrebbe esercitato sul Collegio dei Commissari, a beneficio esclusivo del sistema industriale tedesco.

L’eurodeputato invoca un intervento urgente del governo Gentiloni affinché stimoli con ogni mezzo la Commissione UE ad optare invece per il doppio fornitore del 3° lotto di Galileo: «E’ una partita importantissima. E mi sconcerta che la delegazione italiana all’Europarlamento sia stata informata solo in extremis. Non vorrei che il valzer delle nomine nelle aziende partecipate avesse distratto l’esecutivo fino a dimenticare che esistono piani industriali da portare avanti».

«Assegnare il contratto con il ‘double sourcing’ – spiega Salini, membro della Commissione Industria del Parlamento UE – consentirebbe a tutti i Paesi membri in campo di condividere un lavoro strategico per il programma dell’Agenzia Spaziale Europea, rafforzandolo e rendendolo ancora più competitivo».
«I risparmi iniziali dell’offerta tedesca sono trascurabili, in quanto il problema dei costi va valutato secondo una logica industriale di lungo periodo e in un quadro strategico d’insieme: la doppia fornitura taglierebbe infatti le spese di manutenzione dopo i lanci, scongiurerebbe un monopolio nocivo e conterrebbe i costi di produzione dei satelliti, rientrando inoltre nella logica di una piena cooperazione tra Paesi UE».

«Non essendoci ragioni tecnologiche o evidenze di risparmi economici sostanziali – conclude Salini – la scelta della Commissione per la singola fornitura sarebbe squisitamente politica, a beneficio esclusivo della ‘solita’ Germania. Andrebbe però in scena il volto peggiore dell’Europa e non possiamo permetterlo: sarebbe un duro colpo alla credibilità dell’UE, pessimo biglietto da visita in vista del suo rilancio nell’anno delle celebrazioni dei Trattati di Roma».

Newsletter

Guarda anche...

birra

Eurostat. In Europa una birra su cinque è tedesca

Cresce la produzione di birra in Europa: secondo i dati pubblicati da Eurostat, nel 2016 …

Festival Rock am Ring

Germania. Interrotto il Festival Rock am Ring per “allarme attentato”

Sgomberato per un “allarme attentato” un festival di musica all’aperto in Germania: il Rock am …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi