Home | In News | Slow Fish 2017, dal 18 al 21 maggio al Porto Antico di Genova
Slow-Fish-2017

Slow Fish 2017, dal 18 al 21 maggio al Porto Antico di Genova

Slow Fish 2017 è l’evento internazionale dedicato al pesce e alle risorse del mare che coniuga la convivialità alla conoscenza scientifica e alle buone pratiche, l’educazione al gusto all’impegno per la tutela degli ecosistemi acquatici. Come ogni due anni, Slow Fish – organizzato dall’associazione Slow Food Italia e dalla Regione Liguria, in collaborazione con il Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali – approda al Porto Antico di Genova dal 18 al 21 maggio 2017 con i suoi protagonisti.

La rete siamo noi è il tema dell’ottava edizione dell’evento che a partire dal 2004 ha consolidato un insieme di conoscenze, scambi e relazioni tra centinaia di “nodi” per i quali Genova è ormai un punto di riferimento imprescindibile: pescatori, artigiani e cuochi da tutto il mondo che si incontrano per condividere e sostenere un approccio buono, pulito e giusto alla filiera ittica, alla biodiversità marina e all’equilibrio delle acque dolci. Per saperne di più tornano anche le Conferenze, in cui i grandi temi scientifici al centro dei dibattiti internazionali – cambiamento climatico, valorizzazione delle risorse e sprechi – sono approfonditi da ricercatori, interpreti del mondo della pesca e istituzioni con un linguaggio accessibile e diretto.

Tra i sostenitori anche le Camere di Commercio. Carlo Petrini, che ha presentato la manifestazione a Genova insieme al presidente della Regione Giovanni Toti, al presidente di Slow Food Italia Gaetano Pascale, agli assessori regionali Rixi e Mai e all’assessore comunale Fiorini, ha evidenziato la “necessità di mantenere a Genova un evento che a partire dal 2004 ha consolidato un insieme di conoscenze, scambi e relazioni tra centinaia di “nodi” per i quali la città è ormai un punto di riferimento imprescindibile”. Pescatori, artigiani e cuochi da tutto il mondo “si incontrano per condividere e sostenere un approccio buono, pulito e giusto alla filiera ittica, alla biodiversità marina e all’equilibrio delle acque dolci” ha aggiunto Petrini. “Non era scontato essere di nuovo qui – ha affermato Giovanni Toti – perché i bilanci degli enti locali sono in difficoltà ma c’è stato uno sforzo della Regione e dei privati che ha consentito di mantenere a Genova questa eccellenza italiana, che ha un valore sovranazionale per qualità e contenuti. Non sarà solo una occasione conviviale – ha aggiunto Toti – ma un momento di approfondimento di argomenti decisivi per l’ambiente e la tutela degli ecosistemi. Come Regione vogliamo costruire palinsesto interessante con altre regioni e con il governo, che è l’interfaccia con la Ue. Genova in questi mesi tornerà a essere uno degli hot spot delle cose che avvengono nel mediterraneo”.

Newsletter

Guarda anche...

partita-del-cuore

Partita del Cuore. Allo Stadio Ferraris vince la solidarietà: superati i 1.300.000€

E’ stata di 1.341.893 euro la raccolta fondi totale generata dalla 27esima edizione della Partita …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *