Home | Festival | The Shins: il 27 agosto live al TODAYS Festival 2017

The Shins: il 27 agosto live al TODAYS Festival 2017

A 5 anni di distanza dall’album precedente “Port of Morrow”, che conteneva la celebre Simple Song, usata in serie tv e film, è uscito il 10 marzo “Heartworms”, il quinto album di The Shins, uno dei dischi più attesi del 2017 per Rolling Stone USA, Entertainment Weekly, Stereogum e Consequence of Sound.

Anticipato dal singolo “Name For You”, una canzone sulla femminilità composta da James Mercer ispirato dalle sue tre figlie, quello che era partito come un esercizio di scrittura cantautorale viene trasformato in una vera e propria radiocronaca di ciò che significa essere un cantautore.

Ispirato dall’estrema versatilità del pezzo, dopo aver scritto “Name For You”, il primo brano di “Heartworms”, Mercer ha deciso perciò di rifarlo ripartendo dal suo stesso scratch, mantenendo una base identica ma facendola suonare in maniera nuova.

Ed è così che “Name For You” appare in due versioni video: la prima confezionata dal batterista della band Jon Sortland, che dirige per l’occasione le due stelline dello skateboard Savannah Headden e Samarria Brevard, girato nel sud della California, con una chiara estetica lo-fi, è abbellito dai cartoni animati di Dillon Moore. Il secondo video della versione alternativadi “Name For You”, che Mercer ha composto come un pezzo new-wave, è diretto da Zaiba Jabbar, la protagonista è Trace Lysette, l’attrice icona trans della serie tv “Transparent”, e mostra una versione decisamente noir che accentua l’ambiguità del concetto di gender.

Nello stesso modo in cui ogni versione della canzone serve a ridefinire il significato sottostante del testo, anche i video corrispondenti servono a regalare un tono diverso alla canzone, proprio per poter dare più sfumature al concetto stesso di femminilità. Mercer ha continuato a sperimentare con tutte le tracce fino a che ha ottenuto due album completamente diversi: uno originale e uno “flipped”.
“Stare in una pop band è la cosa più stramba e priva di senso pratico che uno possa fare”. La frase è di James Russel Mercer, fondatore degli Shins, icona del pop alternativo dei 2000.

Più volte nominati ai prestigiosi Grammy, THE SHINS nascono per volere di James Russel Mercer nel 1997 ad Albuquerque, nel Nuovo Messico, dalle ceneri dei Flake, ormai prossimi allo scioglimento dopo qualche ruggente momento di gloria.

La band pubblica due EP, “Nature Bears A Vacuum” (1998) e “When I Goose-Step” (2000) e va in tour con i Modest Mouse finché Jonathan Poneman della Sub Pop, incantato dalla loro bravura, gli offre un contratto con la sua etichetta.

Nel 2001 escono il bellissimo singolo “New Slang” e il disco “Oh, Inverted World”, sapiente miscela di melodie sixties pop (Brian Wilson, The Kinks, The Byrds, Love, Beach Boys), lisergia anni settanta e lo-fi indie anni Novanta (Sebadoh, Pavement).

I singoli “Know Yr Onion!” e “The Past And The Pending” solidificano la fortuna di “Oh, Inverted World”, divenuto presto un caso della musica indipendente vendendo oltre 1 milione di copie. “Oh, Inverted World” entra tra i 100 Best Albums degli anni 2000 per Rolling Stone e Pitchfork.

Nel 2003 esce il secondo LP “Chutes Too Narrow”, registrato nello studio casalingo di Mercer. Stessa scoppiettante effervescenza pop, stesse melodie accattivanti ma più mira negli arrangiamenti e nelle armonie: gli Shins migliorano e Mercer srotola un falsetto davvero smagliante. Le reazioni della stampa da The New York Times, Mojo, Rolling Stone, e Q sono entusiastiche anche stavolta.
Pronti alla conquista del mondo, nel 2004 portano in giro la loro musica anche in Europa.
Nel 2005, tra un concerto e l’altro, gli Shins si rimettono al lavoro sul terzo full length della loro carriera, realizzato in collaborazione con l’ingegnere del suono Joe Chiccarelli (Beck, U2) “Wincing The Night Away” vede la luce a gennaio del 2007. Il disco riscuote un enorme successo, divenendo il primo pubblicato dalla Sub Pop a debuttare al numero 2 della Billboard chart, e vendendo più di 100mila copie in una sola settimana! L’album viene nominato ai Grammy, riaffermando la levatura di The Shins come una delle band più significative del nuovo millennio.

“Port of Morrow”arriva nel 2012 ed è il primo pubblicato dalla Columbia Records. L’album debutta al numero 3 della Billboard chart, Entertainment Weekly scrive “il miglior album della band in quasi un decennio” e il disco viene descritto dalla stampa di tutto il mondo come un trionfale ritorno!

La loro famosa hit New Slang fu inserita nella colonna sonora del film “La mia vita a Garden State”, prima opera da regista del noto attore Zach Braff, conosciuto al grande pubblico per il suo ruolo da star del telefilm Scrubs, mentre il brano inedito So Now What fa parte della colonna sonora (insieme a Bon Iver, Cat Power, Coldplay..) del nuovo film diretto da Zach Wish I Was Here, acclamato al Sundance Film Festival. I membri della band sono inoltre noti per aver partecipato ad una puntata della quarta stagione del telefilm Una Mamma Per Amica dove suonano in un locale di Miami il singolo So Says I, mentre la canzone Simple Song del 2012 è stata utilizzata come colonna sonora del telefilm How I Met Your Mother nell’ultimo episodio dell’ottava stagione.

Il nuovo album ‘Heartworms’ pubblicato su Aural Apothecary/Columbia Records è un grande disco che si preannucia già come uno dei migliori di questo seppur giovane 2017. L’album, il secondo dopo il salto alla major Columbia dopo un passato e una solida reputazione costruita con la storica Sub Pop, è stato scritto e prodotto interamente da James Mercer, come non accadeva dai tempi del glorioso primo disco ‘Oh Inverted World’, tranne che per ‘So Now What’ prodotta da Richard Swift.
Heartworms è la sublime mescolanza di tutto ciò che ha caratterizzato finora il percorso dei Shins: un album centrato, mai banale ma al contempo mai esagerato, che dosa sapientemente le loro tante anime dal country all’indie rock, con evocativi intervalli dal sapore tribale e dalla fascinazione squisitamente pop.

Gli Shins hanno fatto un disco pop bellissimo, capace di riproiettarci nelle nostalgie e, se non di buttarci nelle sedicenti avanguardie di cui la musica ama generalmente fregiarsi, di costruire un pop che il tempo se lo scorda e, soprattutto, lo fa scordare a noi che l’ascoltiamo. Un album coeso, che definisce un genere, caratterizzato dalla voce distintiva di James Mercer’ e dalla sua capacità melodica a livello compositivo. Grazie a questa visione peculiare, Mercer crea un suono che è allo stesso tempo familiare — un nostalgico rimando agli album precedenti — ma anche innovativo.

Nessun dubbio sul fatto che i Beatles avrebbero sbavato su canzoni come New Slang, ne` che i Beach Boys sarebbero orgogliosi di Girl Inform Me, se oggi le barriere tra indie e mainstream si stanno dissolvendo, è merito di personaggi come James Mercer e i suoi The Shins.

Già annunciati headliner a Lollapalooza in Usa, Green Man e BBC6 Festival in Uk, dopo essere saliti sui più importanti palchi di UK, USA ed Europa per poi passare a quelli di Australia, Giappone e Nuova Zelanda, James Mercer e Yuuki Matthews (bass), Jon Sortland (drums), Mark Watrous (guitar, keys, vocals), Casey Foubert (guitar) and Patti King (keys) saranno (finalmente!) per la prima volta in Italia in una unica data nazionale a TODAYS 2017 a Torino sul palco con BAND OF HORSES e molti altri in arrivo…

Newsletter

Guarda anche...

decibel

Decibel. Grande festa a Torino e Milano con il “Decibel Party”

È arrivato per i DECIBEL il tempo di festeggiare questo incredibile 2017! Per l’occasione, non …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi