Home | Teatro | Casanova a Londra, l‘ultima avventura di un grande seduttore al Teatro Porta Portese

Casanova a Londra, l‘ultima avventura di un grande seduttore al Teatro Porta Portese

La pièce, di cui sono autori Grazia Melai e Stefano Martinelli, è ispirata a un episodio delle memorie di Giacomo Casanova, e rievoca un’avventura -o meglio, una disavventura – sentimentale che il celebre seduttore ha vissuto a Londra, dove era approdato dopo un lungo girovagare in Europa, e infinite traversie, nel 1763.

Vincenzo Martinelli, un connazionale (anch’egli una figura realmente esistita, letterato e storico di una certa fama) lo introduce nella società londinese, dove Casanova conosce Marianne, una bellissima giovane, figlia di una donna – Carol – che Casanova aveva conosciuto molti anni prima a Parigi, e di cui a malapena si ricorda. A Parigi Carol si era invaghita di lui ma Casanova, impegnato in quel periodo in un’altra conquista femminile, non aveva approfittato della sua disponibilità. E Carol – ormai una donna senza scrupoli – non ha dimenticato questa ferita inferta al suo amor proprio. Casanova si innamora perdutamente della giovane Marianne, che, lusingata, cede apparentemente, alla sua corte e ai suoi desideri; ma al momento cruciale non può concedersi perché si trova a letto, pressoché corazzata in un’impenetrabile bardatura – impostale dalla madre Carol, che Casanova non riesce a infrangere. La cosa si ripete più volte: la fanciulla si giustifica per questo con la stretta sorveglianza di sua madre. Il comportamento della giovane conduce infine all’esasperazione il grande seduttore, tanto più quando questi inizia a sospettare che Marianne possa avere un amante, un giovane parrucchiere, al quale viceversa forse si concede senza problemi. Disperato, Casanova decide di uccidersi gettandosi nel Tamigi con le tasche piene di sassi: il fallimento comporta, infatti, per l’irresistibile dongiovanni, una crisi psicologica, una sorta di tracollo esistenziale insopportabile. È la prima volta che una donna gli si nega, ed egli comincia ad avvertire l’ombra nera della vecchiaia. Lo salva dal suicidio Martinelli – che è innamorato senza speranza e senza le sostanze necessarie di Carol – il quale convince l’avventuriero a sedurre finalmente Marianne con uno stratagemma. A Londra, infatti, esiste un particolare bordello diretto da Madame Giselle nel quale, mascherate, si concedono agli uomini donne rispettabili e insoddisfatte. Martinelli convince quindi Marianne a mascherarsi e a concedersi in questo modo, a Casanova, sfuggendo alla stretta sorveglianza materna e del Conte che la protegge come sua giovane amante. Tutto va come ha previsto Martinelli, se nonché, dopo l’amplesso così a lungo desiderato, la donna si toglie la maschera: non è Marianne, ma Carol, che così si è vendicata dello smacco subito a Parigi, beffando il grande seduttore.

La commedia è stata scritta a quattro mani da Grazia Melai – che è attiva nell’ambiente teatrale da molti anni, ed ha rappresentato recentemente a Firenze due sue opere:- “Il leone nero” e “Noi lo chiamavamo amore” – e Stefano Martinelli, docente di Storia contemporanea all’Università di Firenze, autore del romanzo, “Come sono le donne”, da cui è stata tratta l’omonima pièce, messa in scena qualche anno fa, e di una “commedia con musiche”, “Polly ovvero l’opera del milionario”, interpretata con successo da Maria Cassi presso il Teatro del sale. di Firenze. Le musiche e le canzoni originali (che propongono Casanova a Londra come una commedia in musica) sono di Danilo Pace con i testi di Tonino Tosto che firma anche la regia.

Il cast: Giacomo Casanova (Danilo Brugia), Carol (Susy Sergiacomo), Vincenzo Martinelli (Michele Carfora), scrittore (Tonino Tosto), Marianne (Titti Cerrone), menestrello/parrucchiere (Michele Montesano), Conte (Gino Auriuso), Ketty (Jessica Agnoli), Madame Giselle (Flavia Di Domenico).

Dall’11 al 14 maggio
Ore 21 (domenica ore 18.30)
Teatro Porta Portese
via Portuense, 102 – Roma

Guarda anche...

La Dame Blanche

La Dame Blanche, da Cuba al Villaggio Globale tra hip hop e cumbia

La Dame Blanche, nome d’arte di Yaité Ramos-Rodriguez, racchiude nella sua musica un mix perfetto …

picasso

Picasso. Tra Cubismo e Classicismo: 1915-1925, dal 22 settembre alle Scuderie del Quirinale

È il febbraio del 1917 e in Europa infuria la Grande Guerra. Pablo Picasso, che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi