Home | In Attualità | G20 al via ad Amburgo. Una città blindata e assediata da manifestanti

G20 al via ad Amburgo. Una città blindata e assediata da manifestanti

Ad Amburgo al via il G20. Ed è iniziata la giornata con nuove tensioni. Dopo i disordini di ieri, la polizia tedesca è intervenuta anche stamani con gli idranti per disperdere un blocco di manifestanti anti-summit sulle rive del lago Outer Alster, a poca distanza dal luogo che ospita il vertice.

Una notte di scontri tra militanti anti-G20 e forze dell’ordine ad Amburgo– La polizia ha usato i cannoni ad acqua contro i dimostranti , che protestavano di nuovo contro il G20 che si apre oggi. Lo ha fatto sapere su Twitter, aggiungendo che i manifestanti hanno bloccato delle strade e ai loro sit-in è stato chiesto di disperdersi. I media tedeschi riferiscono che la situazione nella zona di Altona è tornata alla tranquillità dopo i roghi di questa notte: tra le 25 e le 30 auto sono state date alle fiamme dai manifestanti nei distretti di Altona e Blankenese, secondo quanto documentato da un fotografo della agenzia Dpa.

La polizia tedesca ha diffuso un primo bilancio delle manifestazioni di ieri contro il G20 ad Amburgo. Sono 111 i poliziotti feriti negli scontri, almeno 29 le persone arrestate, secondo quanto riportano i media tedeschi. Numerosi i danni materiali, tra cui ad auto parcheggiate, negozi e alla sede della procura ad Altona.

“Una operazione e’ in corso contro singoli individui” che hanno lanciato molotov e bruciato diverse aut, ha riferito la polizia tedesca. Il capo della polizia di Amburgo, Ralf Martin Meyer, ha espresso al Guardian preoccupazione poiche’ la citta’ potrebbe assistere “non tanto a sit-in di protesta ma ad attacchi di massa”. Ad Amburgo, ha aggiunto Meyer, sono arrivati anarchici scandinavi, svizzeri e italiani.

Newsletter

Guarda anche...

Assomusica

Assomusica ad Amburgo in occasione del Reeperbahn Festival 2017

Il presidente di Assomusica, Vincenzo Spera, anche quest’anno ha visitato Amburgo (Germania) in occasione del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi