Home | Tempo d'Europa | Ventotene, 150 giovani a parlare d’Europa in nome di Altiero Spinelli

Ventotene, 150 giovani a parlare d’Europa in nome di Altiero Spinelli

Ventotene (Lt), 2 settembre 2017. “Il federalismo in Europa e nel mondo. Dall’Unione Monetaria agli Stati Uniti d’Europa” è il titolo della 36° edizione del Seminario di formazione federalista, in programma dal 3 all’8 settembre (Centro polivalente Umberto Elia Terracini), organizzato dall’Istituto di Studi Federalisti “Altiero Spinelli” insieme a Regione Lazio, Provincia di Latina, Comune di Ventotene, Movimento Federalista Europeo, Gioventù Federalista Europea. I temi più attuali, dalla crisi economica alla questione mediterranea, saranno al centro delle relazioni e dei dibattiti nell’isola in cui più di settant’anni fa Altiero Spinelli scrisse il “Manifesto di Ventotene”.

“In un momento in cui appare sempre più importante la formazione dei giovani agli alti ideali europei per contrastare nazionalismi e populismi – sottolinea Federico Brunelli, Direttore dell’Istituto Spinelli – al Seminario di Ventotene, 150 giovani provenienti da tutto il continente e da altre regioni del mondo si ritrovano per approfondire il pensiero federalista e confrontarsi su proposte operative per il lancio di una forte iniziativa politica per la Federazione europea, obiettivo quanto mai necessario in uno scenario in cui la debole ripresa economica, il riscaldamento globale, l’instabilità dell’Africa e del Medio Oriente e la conseguente immigrazione di disperati rendono evidenti l’inadeguatezza degli Stati alle sfide epocali che abbiamo di fronte”.

Alla cerimonia di apertura, dedicata a “Il sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma e il rilancio del processo di unificazione europea”, interverranno Giorgio Anselmi (presidente Istituto di Studi Federalisti Altiero Spinelli), Gerardo Santomauro (sindaco di Ventotene), Piero Petrassi (presidente Commissione “Affari comunitari e internazionali, cooperazione tra i popoli e tutela dei consumatori” del Consiglio Regionale del Lazio), Antonio Argenziano (Segretario generale Gioventù Federalista Europea), Roberto Sommella (fondatore de La Nuova Europa), Luigi Federico Signorini (vice-direttore Generale Banca d’Italia), Brando Benifei (parlamentare europeo), Gennaro Migliore (sottosegretario di Stato alla Giustizia). Sarà quindi assegnata a una giovane partecipante la terza edizione del Premio “Antonio Saggio”, avvocato generale della Corte di Giustizia e primo e, finora, unico italiano presidente del Tribunale di Prima Istanza a Lussemburgo.

Venerdì 8 settembre, alle 9.30, la sessione conclusiva del Seminario dedicata a “Il ruolo del Parlamento europeo e dei governi nazionali per una riforma dei Trattati che dia un governo all’Eurozona” ospiterà gli interventi di Luisa Trumellini, segretaria generale del Movimento Federalista Europeo, Elias Carlo Salvato, presidente della Gioventù Federalista Europea, Benedetto Della Vedova, sottosegretario di Stato agli Affari Esteri, Mario Baldassarri, presidente Centro Studi Economia Reale, Pierferdinando Casini, presidente Commissione Affari Esteri del Senato della Repubblica.

Sarà inoltre celebrato il trentennale dalla fondazione dell’Istituto Spinelli – il 3 luglio 1987, a poco più di un anno dalla sua scomparsa – con gli interventi dei protagonisti dell’epoca, Gabriele Panizzi e Guido Montani, rispettivamente vice-presidente ed ex Presidente dell’Istituto Spinelli, e del Sindaco di Ventotene. La giornata si concluderà con l’assegnazione della settima edizione del Premio giornalistico “Altiero Spinelli”, insignito della Medaglia del Presidente della Repubblica, a Sergio Fabbrini, direttore Luiss School of Government, per gli articoli sui temi dell’unità europea pubblicati su Il Sole 24 Ore.

Nei sei giorni del Seminario si alterneranno come relatori esponenti del Movimento Federalista Europeo e Mondiale, dell’Università e del mondo politico e istituzionale.

Newsletter

Guarda anche...

Il Manifesto di Ventotene: l’origine dell’ Europa moderna ‘libera e unita’

C’era innanzitutto l’idea di abbattere gli Stati nazionali, alla base del ‘Manifesto per l’Europa’ scritto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi