Home | Tempo d'Europa | Fondi UE per connessioni a internet gratuite e veloci in tutta Europa

Fondi UE per connessioni a internet gratuite e veloci in tutta Europa

“Abbiamo l’opportunità di dare a tutti gli Europei un accesso più completo e inclusivo al futuro – l’accesso gratuito ad una rete Internet di alta qualità, indipendentemente dalla loro posizione geografica e da quanto guadagnano”, ha dichiarato nell’intervista Carlos Zorrinho, deputato portoghese dei Socialisti e Democratici e relatore della proposta al Parlamento.

L’obiettivo dell’iniziativa WIFI4EU è quello di offrire a più di 6000 comunità locali nell’UE un servizio di Wi-Fi ad alta velocità entro il 2020. Possono partecipare all’iniziativa gli enti pubblici come biblioteche, ospedali e stazioni di treni, che abbiamo degli spazi aperti al pubblico. L’organismo che ne fa richiesta riceve un aiuto economico dall’UE per installare i punti di connessione Wi-Fi gratuiti.

Sono stati stanziati 120 milioni di euro per questa iniziativa che verranno assegnati alle comunità locali in base all’ordine in cui arriveranno le domande ma anche rispettando un equilibrio geografico.

Il Parlamento europeo nei negoziati con il Consiglio ha insistito sul fatto che per i ricevere i fondi UE i punti di accesso devono assicurare che non ci sia né pubblicità né un uso commerciale dei dati che gli utenti useranno per la connessione.

Come funzionerà in pratica?  “Il processo è molto semplice: daremo dei voucher a chi ne farà domanda e con questi voucher gli enti potranno procedere all’installazione della connessione”, ha spiegato Zorrinho.

Lo schema di finanziamento WIFI4EU fornisce i voucher per l’installazione. Gli enti partecipanti devono pagare per la connessione e la manutenzione e impegnarsi a offrire il servizio per almeno tre anni.
Per l’utente è ancora più semplice. Una volta registrati al servizio sarà possibile connettersi a tutti gli hotspot WIFI4EU presenti in Europa.

Una piattaforma online unica sarà aperta per consentire a tutti gli enti pubblici di presentare la propria candidatura online. Una volta che il Parlamento voterà positivamente, le candidature saranno aperte entro l’inizio del 2018.
Newsletter

 

Guarda anche...

parlamento-europeo

Bambini online: proteggerli contro i contenuti pericolosi è la priorità del Parlamento

I bambini trascorrono ore navigando su Internet, ogni giorno, esposti a qualsiasi genere di contenuto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi