Home | In News | Unicef su Giornata internazionale delle bambine e delle ragazze

Unicef su Giornata internazionale delle bambine e delle ragazze

In occasione della Giornata, l’UNICEF vuole stimolare l’attenzione e l’azione internazionale verso le sfide che le ragazze affrontano prima, durante e in seguito alle crisi attraverso il tema di quest’anno, EmPOWER Girls: Prima, Durante e Dopo le Emergenze”. 1,1 miliardi di ragazze nel mondo rappresentano una risorsa di potere, energia e creatività – e i milioni di ragazze in emergenza non costituiscono un’eccezione. Ma, durante i conflitti, le ragazze hanno una probabilità 2,5 volte maggiore di non frequentare la scuola rispetto ai ragazzi, compromettendo le loro future prospettive di lavoro e l’indipendenza finanziaria da adulte; secondo un sondaggio del 2017, condotto in alcune zone dell’Etiopia e della Repubblica Democratica del Congo colpite dal conflitto, il 52% delle ragazze adolescenti ha riportato di essere stata vittima di almeno una forma di violenza nei 12 mesi precedenti.

La violenza di genere spesso raggiunge il suo picco massimo durante le emergenze umanitarie e gli sfollamenti, esponendo le ragazze a violenza fisica e sessuale, matrimoni precoci, sfruttamento e tratta. In tempi di crisi – causati da catastrofi, conflitti o dagli effetti del cambiamento climatico – le bambine e le ragazze affrontano infatti rischi, violenze e sono particolarmente vulnerabili, solo per il loro essere donne. La violenza – inclusa la violenza sessuale, quella di genere a scuola e i matrimoni precoci – è un problema che coinvolge la salute, i diritti umani e la protezione in ogni fase di un conflitto, e può aggravarsi in seguito a una calamità. Le vittime sono di solito donne e adolescenti, la cui vulnerabilità diventa maggiore nel caos generato da una crisi.

Spesso le donne e le ragazze hanno minori risorse, minore possibilità di spostarsi e maggiore difficoltà ad accedere a reti e informazioni salvavita. I servizi sanitari fondamentali per il benessere delle ragazze, fra cui l’assistenza materna e i kit per l’igiene personale, sono spesso scarsi o insufficienti in situazioni di crisi. A causa del protrarsi delle attuali crisi, milioni di ragazze nate in contesti di emergenza potrebbero trascorrere i primi anni, se non decenni, della loro vita in contesti di emergenza.

Ma le ragazze sono anche resilienti. Le soluzioni a lungo termine progettate con e per le ragazze possono rafforzare questa resilienza e rappresentare una via verso opportunità per loro stesse, che producano una trasformazione e che siano permanenti. Le strategie di ripresa e le risposte alle crisi umanitarie che tengono conto del genere sessuale sono una grandissima opportunità per prevenire, mitigare e rispondere alle estreme vulnerabilità che le ragazze affrontano prima, durante e in seguito a periodi di fragilità, conflitti, disastri e sfollamento. Le ragazze, soprattutto le adolescenti, hanno bisogno di piattaforme che diano voce alle sfide che affrontano nella loro vita quotidiana e per scoprire delle soluzioni adatte alle loro esigenze, in modo da poter costruire un futuro migliore per loro e per le loro comunità.

Il messaggio di quest’anno, EmPOWER Girls, viene lanciato, attraverso un video #FreedomForGirl (sulla canzone “Freedom” di Beyonce), promosso da The Global Goals/Project Everyone e da diversi partner, tra cui l’UNICEF. Il video viene promosso oggi sulla homepage di Google in molti paesi. Condividi il video #FreedomForGirls sui social e dicci cosa rappresenta per te la libertà per le bambine e le ragazze.

Newsletter

Guarda anche...

Unicef

Myanmar. Allarme dell’Unicef: “12mila bambini Rohingya fuggono ogni settimana in Bangladesh”

Secondo il nuovo rapporto dell’UNICEF “Emarginati e disperati”, terribili condizioni di vita e malattie legate …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi