Home | Cantanti | “Ananda” è il primo video da “L’Eccitante Attesa”, il nuovo disco di Sawara

“Ananda” è il primo video da “L’Eccitante Attesa”, il nuovo disco di Sawara

“Ananda” è il primo video da “L’Eccitante Attesa”, il nuovo disco di Sawara uscito lo scorso 27 maggio come terza pubblicazione in tre anni. Il clip è stato realizzato dal videomaker Gabriele Pozzoni e vede la partecipazione, oltre che dello stesso Sawara, anche di Athena Bassani.

“Quando si racconta una storia in una canzone – spiega Sawara – è bello poter immaginare che nei tre minuti in cui qualsiasi persona se la ascolta passino immagini e situazioni completamente diverse. Questa è la difficoltà mia personale nell’approcciarmi ad un’idea per un video. Di conseguenza per Ananda si è pensato ad un video minimale, asciutto, in cui l’attesa e il desiderio possano essere colti in modo trasversale e differente, a secondo delle variegate interpretazioni intime, con protagonista la bottiglia con un cuore, per un amore da bersi, già bevuto o che forse non si potrà bere…”

Per Sawara “Ananda” – che in Sanscrito significa “orgasmo” – è “una parola che va oltre il suo significato originario: è lo stato naturale degli esseri viventi, la beatitudine infinita, perché la nostra vita nasce dall’unione di due amanti che godono l’uno dell’altro. Dunque Ananda è qualcosa che non può essere detta, ma che va vissuta.”

Dopo “SawaraNonEsiste” e “Il Tempo Supplementare” “L’Eccitante Attesa” è il terzo disco che Sawara realizza dal 2015 ad oggi. A detta di molti Fabio Agnesina, questo il vero nome di Sawara, è un cantautore che scrive canzoni e le canta con un timbro di voce unico, grave, sporco, sincero. Insieme a lui un manipolo di musicisti pronti ad imbastire torrenti impetuosi di elettricità chitarristica o infilzare smagrite strutture trip-hop in sospensione. Il tutto per costruire un disco d’amore che ha come tema l’attendere e il desiderare, puntellato da parole che riguardano la più profonda essenza umana. Quelle di Sawara sono preghiere laiche che provengono dalle costole e cercano una verticale salvezza terrena.

Newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi