Home | In News | Unicef. Bangladesh: raddoppiato il tasso di malnutrizione tra i bambini rifugiati rohingya

Unicef. Bangladesh: raddoppiato il tasso di malnutrizione tra i bambini rifugiati rohingya

Secondo l’UNICEF, dai primi dati di un’indagine sullo stato nutrizionale dei bambini rohingya e delle loro famiglie – realizzata la settimana scorsa nel campo per rifugiati di Kutupalong a Cox Bazar, in Bangladesh – il tasso di malnutrizione acuta grave è del 7,5% – un tasso doppio rispetto a quello registrato tra i bambini rifugiati rohingya a maggio 2017.

“I bambini rohingya al campo – sopravvissuti agli orrori nello Stato di Rakine nel nord del Myanmar e a un viaggio pericoloso – sono già vittime di una catastrofe,” – ha dichiarato Edouard Beigbeder Rappresentante UNICEF in Bangladesh. “Tutti quelli colpiti da malnutrizione acuta sono adesso a rischio di morte per una causa completamente prevenibile e curabile.”

I tassi di malnutrizione tra i bambini nel nord dello Stato di Rakine sono già oltre la soglia di emergenza. Le condizioni in cui vivono questi bambini sono ulteriormente deteriorate a causa dei lunghi viaggi per superare il confine e le condizioni dei campi. Circa 26.000 persone adesso vivono al campo di Kutupalong e stanno affrontando grave mancanza di cibo, acqua, condizioni poco salubri, alti tassi di diarrea e infezioni respiratorie. Sono stati riportati anche casi di morbillo.

L’indagine sullo stato nutrizionale a Kutupalong, condotta tra il 22 e il 28 ottobre, è stata realizzata su 405 famiglie, arrivate sia prima che dopo l’escalation di violenze nello Stato di Rakine lo scorso 25 agosto.

Per novembre sono state pianificate due ulteriori indagini in altri siti, compreso un insediamento informale. I risultati di queste analisi andranno ad aggiornare il numero previsto di bambini che potrebbero soffrire di malnutrizione acuta grave nei prossimi mesi e saranno utili per pianificare la risposta all’emergenza.

L’UNICEF e i suoi partner stanno curando oltre 2.000 bambini per malnutrizione acuta in 15 centri di cura, mentre sono in costruzione altri 6 centri. L’UNICEF sta lavorando con i partner del settore sanitario per identificare e curare i casi di diarrea e polmonite. Questo mese inoltre sarà realizzata una campagna di vaccinazioni di massa e di verifica dello stato nutrizionale dei bambini e delle loro famiglie.

“La comunità umanitaria deve essere fare molto di più per curare e proteggere questi bambini che sono estremamente vulnerabili,” ha continuato Beigbeder. “Per questo abbiamo molto più bisogno di maggiore attenzione per la crisi e molte più risorse per la risposta. Questi bambini hanno bisogno di aiuto adesso.”

Newsletter

Guarda anche...

unicef

Unicef per la Giornata mondiale dell’Infanzia

L’UNICEF ha annunciato che il Goodwill Ambassador dell’UNICEF, David Beckham, la presidente del Cile Michelle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi