Home | Tempo d'Europa | “Campioni in stoffa” in mostra all’IIC. Rilanciare il manufatturiero per ridare competitività all’Europa
Campioni in stoffa
Campioni in stoffa

“Campioni in stoffa” in mostra all’IIC. Rilanciare il manufatturiero per ridare competitività all’Europa

Bruxelles, 6 febbraio 2013. Sarà inaugurata domani, giovedì 7 febbraio, all’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles, alle ore 18.30, la mostra “Campioni in stoffa”, in collaborazione con DOC BI Centro Studi Biellesi e con il patrocinio dell’eurodeputato Gianluca Susta.

“Campioni in stoffa” ripercorre la storia, lunga un secolo, di campionari tessili realizzati dai più noti lanifici biellesi a partire dal primo decennio del Novecento. Zegna, Piacenza, Loro Piana, Cerruti, Angelico sono solo alcuni dei  produttori storici del biellese. Appartengono a loro, e a numerose altre aziende, i campioni di stoffa, alcuni dei quali presentati all’esposizione universale di Bruxelles del 1910, che saranno esposti all’Istituto Italiano di Cultura dall’8 al 22 febbraio.

Parlare di “campionari d’archivio” è però riduttivo e fuorviante perché in realtà pochi prodotti dell’ingegno umano restano attuali come i tessuti: la memoria estetica di un panno non passa di moda e un campionario dell’Ottocento è spesso consultato dai disegnatori dei lanifici di oggi per trarne ispirazione e modelli.

“Il comparto tessile e manifatturiero, e in particolare quello della provincia di Biella, è una grande eccellenza italiana – ha dichiarato Federiga Bindi, direttore dell’Istituto Italiano di Cultura – Siamo lieti di poter presentare questa mostra, che attraverso un viaggio tra i  tessuti realizzati nell’arco di circa un secolo da alcuni dei più importanti lanifici biellesi, racconta il talento dei tanti artigiani locali, che rappresentano un patrimonio dello stile e della cultura italiana da tutelare e valorizzare”.

“Qualche mese dopo la presentazione presso la sede del Parlamento europeo, abbiamo deciso di offrire ‘Campioni in stoffa’ anche a tutta la comunità della città di Bruxelles, grazie alla ospitalità e alla disponibilità dell’Istituto Italiano di Cultura – ha spiegato Gianluca Susta – L’esposizione dei più prestigiosi campionari tessili, alcuni dei quali ritornano a Bruxelles dopo un secolo, e di pregiati tessuti attuali, creati dall’industria del biellese, vuole essere in primo luogo un omaggio a una produzione artistica e manifatturiera di qualità, espressione di quel made in italy che non teme rivali nel mondo. Allo stesso tempo, si vuole richiamare l’attenzione delle Istituzioni e delle autorità europee sulla necessità di un rilancio del settore manifatturiero, condizione indispensabile per ridare competitività all’Europa”.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 17, nella sala esposizioni dell’IIC fino al 22 febbraio prossimo.

Guarda anche...

Severgnini College

Severgnini inaugura il 1° corso d’italiano lingua straniera al Collegio d’Europa di Bruges. Incontro su giovani e UE domani all’IIC

Bruxelles, 23 gennaio 2014. Beppe Severgnini ritorna a Bruxelles dieci anni dopo aver ricevuto il …

Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles

Rischio chiusura sezione italiana della scuola europea: lettere al direttore dell’IIC Federiga Bindi e al ministro Emma Bonino

Bruxelles, 23 ottobre 2013. Due giorni fa la lettera al direttore dell’Istituto Italiano di Cultura …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi