Home | In Sociale | Unicef. Nella Repubblica Democratica del Congo oltre 800.000 bambini sono sfollati a causa delle violenze

Unicef. Nella Repubblica Democratica del Congo oltre 800.000 bambini sono sfollati a causa delle violenze

Secondo l’UNICEF, almeno 1,3 milioni di persone, fra cui oltre 800.000 bambini, sono sfollati nel 2017 a causa di violenza interetnica e scontri fra l’esercito regolare, le milizie e i gruppi armati nelle province di Tanganyika e Kivu Sud, nella Repubblica Democratica del Congo orientale. In tutto il paese si sta verificando una delle crisi di sfollati più grandi al mondo per i bambini.

“I bambini nella Repubblica Democratica del Congo orientale continuano a subire conseguenze devastanti, mentre ondate di violenza destabilizzano la regione”, ha dichiarato il dott. Tajudeen Oyewale, Rappresentante pro-tempore dell’UNICEF nella Repubblica Democratica del Congo. “Centinaia di migliaia di bambini nella regione non hanno più accesso ad assistenza sanitaria e istruzione, mentre molti hanno subito atrocità per mano dei combattenti. È una situazione semplicemente brutale per i bambini, e la fine sembra ancora lontana”.

I bambini nella Repubblica Democratica del Congo orientale sono anche stati vittime di abusi sessuali e reclutati per combattere. L’UNICEF e i suoi partner hanno identificato oltre 800 casi di abusi sessuali, sebbene la vera portata del fenomeno contro i bambini sembri essere molto maggiore. Gli ultimi dati evidenziano che oltre 3.000 bambini sono stati reclutati dalle milizie e dai gruppi armati negli anni passati.

L’UNICEF è profondamente preoccupato per l’impatto che i combattimenti hanno avuto sulla salute e sul benessere alimentare dei bambini. Molti centri medici non sono più operativi e il rischio di insicurezza alimentare si è acuito, mentre le violenze hanno impedito a molte persone di lavorare nei campi per coltivare la terra. La possibilità che migliaia di bambini possano soffrire di malnutrizione a causa della mancanza di cibo è molto concreta. Ciò va ad aggiungersi alle epidemie di malattie sia a Kivu Sud sia a Tangyanika. Nel 2017, le due province hanno registrato 18.250 casi di sospetto colera, un numero duplicato rispetto al 2016, e 18.000 casi di sospetto morbillo.

Come parte del suo programma di risposta di emergenza a Tanganyika e Kivu Sud, l’UNICEF sta fornendo supporto multisettoriale alla popolazione sfollata, fra cui: vaccinazione dei bambini contro il morbillo; prevenzione e cura del colera; assistenza ai bambini malnutriti; distribuzione di kit scolastici e formazione di insegnanti all’educazione alla pace; protezione, cura e supporto psicologico per i bambini colpiti da violenza e a quelli feriti o non accompagnati.

L’UNICEF continua a chiedere a tutte le parti in conflitto di garantire accesso umanitario alle persone che hanno bisogno urgente di assistenza.

Per portare assistenza ai bambini colpiti dalla crisi nelle province di Tanganyika e Kivu Sud, l’UNICEF ha lanciato un appello di 65 milioni di dollari in supporto ai suoi programmi di risposta per i prossimi sei mesi.

Newsletter

Guarda anche...

unicef

Unicef per Settimana dell’Acqua: 600 milioni di bambini non hanno servizi igienico-sanitari di base a scuola

In occasione della Settimana Mondiale dell’Acqua (26-31 agosto), l’UNICEF rilancia il tema dell’acqua sicura e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi