Home | In News | Il 14 febbraio torna in Italia e nel mondo One Billion Rising 2018

Il 14 febbraio torna in Italia e nel mondo One Billion Rising 2018

Mercoledì 14 febbraio 2018 si rinnova l’appuntamento con ONE BILLION RISING, che come ogni anno coinvolgerà un miliardo di persone in tutto il mondo per celebrare in modo gioioso, irriverente e libero, la volontà di fermare ogni forma di abuso sulle donne e sulle bambine. Motore dell’iniziativa è da sempre Eve Ensler, attivista, drammaturga, autrice de I Monologhi della vagina, il testo che tradotto in 45 lingue e rappresentato in 120 nazioni, ha imposto una definitiva presa di coscienza sulla violenza sulle donne del nostro pianeta. Sulla scia del successo de I Monologhi della Vagina, nel 1998 Eve Ensler ha fondato il V-Day, un movimento che lotta per la parità sessuale e contro ogni discriminazione e violenza sulle donne, e dal 2013 il V-Day ha preso il nome di ONE BILLION RISING – Un miliardo di Voci contro la Violenza – aprendo un nuovo dibattito sui diritti, le disuguaglianze economiche e lo sfruttamento delle donne in tutto il mondo.

One Billion Rising ha ricevuto nel tempo consensi crescenti e solo in Italia nel 2017 sono stati organizzati più di 150 eventi che hanno raccolto 250 mila partecipanti.

ONE BILLION RISING 2018: SOLIDARIETÀ – “Non ci può essere Rivoluzione senza Solidarietà”, afferma Eve Ensler. “Se le donne di tutto il mondo si stanno ribellando contro il sistema patriarcale e maschilista è anche frutto del lavoro che tutte noi abbiamo fatto e facciamo. Grazie al nostro impegno abbiamo ottenuto che la violenza contro le donne diventasse un tema mondiale non rilegato ad un paese, una tribù, una classe sociale o una religione. Abbiamo seminato tanto impegno, tanta passione e fatica negli ultimi anni e ora finalmente le donne cominciano a raccoglierne i frutti. La battaglia sarà ancora durissima, ma la vittoria è più vicina”.

In un’epoca in cui nuove forme di intolleranza e nuovi estremismi sembrano riaffacciarsi con prepotenza, la voce delle donne ha rafforzato la sua presenza nell’agenda politica e mediatica internazionale. Quest’anno la campagna One Billion Rising si focalizza sulla SOLIDARIETÀ. Solidarietà come arma contro ogni forma di sfruttamento e aggressione, solidarietà per tutte le donne che in Italia e nell’intero pianeta hanno la forza e la determinazione di denunciare gli abusi subiti in contesti familiari, nel mondo del lavoro, dello spettacolo e della politica, squarciando il velo dell’omertà per sempre. L’obiettivo, con il coinvolgimento di diverse organizzazioni e associazioni, è di ottenere l’attenzione e l’impegno delle istituzioni affinché attuino politiche sociali ed educative per fermare il fenomeno della violenza in ogni sua declinazione.

GLI APPUNTAMENTI DI ONE BILLION RISING ITALIA – L’appuntamento del 14 febbraio sarà nelle strade, nelle piazze e nelle scuole in Italia e nel mondo, per far sentire un’unica voce potente e gentile e per manifestare nelle tante forme di espressione artistica – dalla narrazione al teatro, dalla poesia alla musica, dalla danza al cinema – che caratterizzano lo spirito rivoluzionario di One Billion Rising, con le parole d’ordine Solidarietà, Creatività, Unione. Tra i tanti eventi previsti e in continuo aggiornamento, ricordiamo quelli a Roma in Piazza Montecitorio alle 15.00, realizzato con il patrocinio del Municipio Roma I Centro e in collaborazione con Differenza Donna, a Milano in collaborazione con la cooperativa sociale Cerchi d’Acqua e a Bologna alle 18.00 in piazza San Francesco insieme alla Casa delle donne per non subire violenza.

ADERISCONO A ONE BILLION RISING 2018  – Amnesty International, AMREF, AUSER, CGIL, Centro di ascolto mobbing e stalking contro tutte le violenze (UIL), Consulta donne Amministratrici ANCI Lazio, D.I.Re, Differenza Donna, Doppia Difesa onlus, Emergency, Federazione Nazionale Associazioni Scuole Danza FNASD, Gi.u.li.a, Nuovo Maschile, Ordine dei Giornalisti, Rebel Network, Telefono Azzurro , Se Non Ora Quando FACTORY, Terres des Hommes, UDI – Unione Donne Italiane, UIL.

Newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi