Home | Televisione | PresaDiretta torna lunedì 5 febbraio su Rai3 con l’inchiesta “La rivoluzione agricola”

PresaDiretta torna lunedì 5 febbraio su Rai3 con l’inchiesta “La rivoluzione agricola”

PresaDiretta torna lunedì 5 febbraio ore 21.20 su Rai3 con l’inchiesta “LA RIVOLUZIONE AGRICOLA”. Produrre cibo ha un impatto economico e ambientale e il nostro sistema non è più sostenibile. Anche perché dietro ogni alimento che mangiamo ci sono tutte le risorse che abbiamo usato per produrlo: acqua, suolo, energia. È necessario invertire la tendenza, ci vuole una “rivoluzione agricola”.

Secondo uno studio della FAO del 2016 un terzo delle emissioni del gas serra è provocato dal nostro modello di produzione alimentare. Sotto accusa l’uso massiccio della chimica in agricoltura e gli allevamenti intensivi. L’aria, l’acqua e la terra sono sempre più compromessi.

PresaDiretta ha viaggiato da nord a sud attraversando il paese, per raccontarne lo stato di salute.

È andata nella Pianura Padana uno dei territori più inquinati d’Europa anche perché qui, tra Veneto, Lombardia, Emilia Romagna, si concentrano il maggior numero di allevamenti intensivi e di aziende agricole d’Italia. Nel nostro paese si allevano 9 milioni di maiali, 2 milioni di vacche da latte, 1 milione e mezzo di vitelli e 143 milioni di polli. Tutti questi animali producono escrementi che si trasformano in reflui, una stima parla di 60 milioni di tonnellate all’anno. E dove vanno a finire? Vengono smaltiti e trattati secondo le norme stabilite dalla legge?

PresaDiretta ha seguito “sul campo” la caccia delle guardie ecologiche agli sversamenti illegali, ha raccolto testimonianze dei cittadini che cercano di cambiare le cose e degli studiosi. Tutti lanciano lo stesso allarme: abbiamo danneggiato la nostra terra, l’acqua e l’aria fin quasi il punto di non ritorno, abbiamo provocato cambiamenti climatici, perdita di biodiversità, trasformazione del suolo e del ciclo dell’acqua. Stiamo alterando i processi che sono alla base della vita sulla terra.

Ci vuole un’inversione di rotta. Come può cambiare il nostro modo di mangiare e di fare la spesa?

A PresaDiretta un viaggio attraverso le nuove frontiere della ricerca e dell’innovazione in campo alimentare e i cibi del futuro. Serre idroponiche, ortaggi coltivati senz’acqua, orti in miniatura da tenere in terrazzo, stazioni di rilevamento meteo per controllare umidità e vento nei campi. E poi il cosiddetto “novel food”, quei cibi che non siamo ancora abituati a mangiare ma che entreranno presto nella nostra dieta. Sono gli alimenti consigliati dalla Fao, abbondanti, salutari ed ecosostenibili. Quelli che fanno bene a noi ma anche al pianeta, le microalghe, le meduse, i grilli, le larve e le cavallette.

Infine a PresaDiretta una vera e propria Campagna contro lo Spreco Alimentare. In Italia ogni anno buttiamo letteralmente “nell’immondizia” 16 miliardi di euro, praticamente l’equivalente di una manovra finanziaria. È il valore del cibo che sprechiamo nelle case, nelle mense scolastiche e aziendali, nei supermercati. Molto di questo cibo può essere recuperato, invertire la tendenza si può.

“LA RIVOLUZIONE AGRICOLA” è un racconto di Riccardo Iacona con Elena Stramentinoli, Fabrizio Lazzaretti, Marianna De Marzi.

Newsletter

Guarda anche...

I-Dieci-Comandamenti

Speciale “I Dieci Comandamenti” di Domenico Iannacone: sabato 27 ottobre su Rai3

La scuola in prima serata su Rai3. Un evento speciale nel quale Domenico Iannacone entrerà …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi