Home | In Cultura | I prossimi grandi eventi rodigini tra 2018 e 2019

I prossimi grandi eventi rodigini tra 2018 e 2019

Il programma 2018 di Palazzo Roverella e del dirimpettaio Palazzo Roncale brilla per originalità e per spaziare su temi, e su potenziali pubblici, davvero i più diversi e curiosi.

Del tutto legittima, quindi, la soddisfazione con cui Antonio Finotti, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, ha annunciato le iniziative culturali rodigine di quest’anno.

Con la Fondazione erano presenti all’annuncio ufficiale in Palazzo Roncale, il Comune di Rovigo e l’Accademia dei Concordi, co-firmatari dei progetti. E, ad affiancarli, gli altri, non meno importanti, protagonisti di un territorio che sta sempre più investendo, in partecipazione e interesse, sulle attività espositive.

Ad aprire la stagione sarà una grande mostra “Cinema! Storie, protagonisti, paesaggi” (Rovigo, Palazzo Roverella, 24 marzo – 1 luglio 2018), a cura di Alberto Berbera, documenterà per la prima volta, la lunga, stimolante quotidianità tra il Polesine e il cinema. Non tutti sanno che le terre del Delta del Po sono state protagoniste di oltre 500 film, cortometraggi, documentari, sceneggiati tv…. Firmati da molti dei grandi registi del nostro cinema: Visconti, Antonioni, Rossellini, Lattuada, Vancini, Pontecorvo, Montaldo, Sandro Bolchi, Pupi Avati, Mazzacurati, Alessandrini, Comencini, i Taviani, Bertolucci, Luigi Magni, Olmi, Bigas Luna, Silvio Soldini…

Per molti sarà una sorpresa scoprire che a Rovigo, ed esattamente nei grandi depositi dell’Accademia dei Concordi, si conserva la collezione di reperti egizi numericamente più consistente del Veneto. Primato non da poco se si tiene conto che il Veneto è stato terra di Giovanni Battista Belzoni e di figure come il rodigino Giovanni Miani, esploratore delle sorgenti del Nilo.

Tra i reperti egizi rodigini, spiccano due mummie, che saranno oggetto di un una complessa indagine scientifica prima di essere esposte, per un restauro condotto di fronte ai visitatori, dal 14 aprile al primo luglio in una importante mostra in Palazzo Roncale. In essa, accanto a “Meryt” e “Baby” – i nomignoli attributi alle due mummie – saranno esposti i reperti dell’intera Collezione Valsè Pantellini, forte di più di 500 pezzi.

Misteri e grande pittura contraddistinguono la proposta autunnale di Palazzo Roverella. “Arte, magia. Esoterismi nella pittura europea dal Simbolismo alle Avanguardie Storiche” è il titolo della mostra, curata da Francesco Parisi, che Palazzo Roverella ospiterà dal 29 settembre 2018 al 27 gennaio 2019.

L’attenzione per le dottrine esoteriche esplode nell’Europa di fine Ottocento, coincidendo con lo sviluppo dell’arte simbolista. Così come teosofia e teorie ermetiche non sono estranee alla nascita dell’astrattismo.
Artisti sono spesso membri di comunità, come quella di Monte Verità, sviluppate attorno ad un sistema utopico magico/irrazionale in cui si praticano culti solari, nudismo e vegetarianesimo…. Tutto in una mostra che diventa percorso iniziatico.

Com’è nella consolidata consuetudine delle proposte in Palazzo Roverella, anche a questa grande esposizione sarà affiancata una mostra di approfondimento in Palazzo Roncale. Fondazione Cariparo su di essa mantiene ancora il riserbo. E’ dato solo conoscere che si tratterà di un evento espositivo di rilevo notevole, per il quale si attingerà ad una importante Collezione.

Dal ’19 cambia la stagionalità delle mostre al Roverella: il maggiore degli appuntamenti annuali rodigini sarà infatti anticipato all’inizio della primavera, anziché essere posizionato, com’è nella recente consuetudine, in settembre.
Protagonista della mostra-evento di apertura ’19 sarà il Giapponesimo.

A curare “Il Giappone in Europa.Il mondo fluttuante e l’arte europea del XIX e XX secolo” sarà ancora una volta il prof. Francesco Parisi, cui si deve anche la recente mostra sulle Secessioni, ammirata da oltre 42 mila visitatori, secondo miglior risultato della storia espositiva di Palazzo Roverella.

Ma il ’19, oltre a “Il Giappone in Europa”, offrirà anche una originale mostra dedicata alle “Giostre! #Fotografia #Pittura #Cinema #Giocattoli#”, a cura di Roberta Valtorta, Alberto Barbera e Mario Finazzi. Un omaggio, originale ed universale, ad una grande tradizione rodigina, quelle delle “giostre”, che qui si costruiscono per diventare protagoniste dei parchi di divertimento di tutto il mondo.

Newsletter

Guarda anche...

maxxi-roma

Maxxi di Roma: ecco gli appuntamenti della settimana, da martedì 11 al 16 dicembre

Si apre una nuova settimana di appuntamenti al MAXXI domani martedì 11 dicembre con l’ultimo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi