Home | In Attualità | Entro 2018 il Duomo di Milano tutto illuminato anche di notte

Entro 2018 il Duomo di Milano tutto illuminato anche di notte

Entro il prossimo dicembre il Duomo di Milano sarà completamente illuminato anche di notte. La veneranda fabbrica – che si occupa della costruzione e della manutenzione della cattedrale dal XIV secolo – ha infatti firmato un accordo con A2A e con il Comune di Milano che dà il via libera al completamento dell’illuminazione.

Finora era stata sistemata quella interna, quella della Madonnina, della facciata e delle vetrate. Ora si parte con il rifacimento di quella tutto intorno al Duomo e delle luci delle coperture e delle guglie: saranno sistemati 196 proiettori led in più di quelli già installati. Alla fine la cattedrale sarà illuminata da 574 proiettori, 368 sulle terrazze del Duomo e altri 206 sistemati su pali e palazzi circostanti. La spesa complessiva per la Veneranda Fabbrica supera il milione di euro.

“La Veneranda Fabbrica del Duomo – ha spiegato il presidente Fedele Confalonieri – scrive l’ultimo capitolo del suo ‘racconto di luce’ condiviso negli ultimi anni con la città e con i suoi milioni di visitatori. Un traguardo reso possibile anche grazie alla collaborazione con il Comune di Milano, segno di una rinnovata sinergia che ci auguriamo possa riaccendere i riflettori sulle necessità del Monumento”. L’accordo prevede che la Veneranda Fabbrica monti e gestisca i corpi illuminanti sulla cattedrale, fornendo ad A2A quelli per il perimetro intorno al Duomo che si occuperà di installarle e di occuparsi della manutenzione, mentre il Comune corrisponderà ad A2A il costo dell’installazione dell’impianto, stimato in 195 mila euro e si farà carico anche del costo delle utenze dell’energia elettrica, limitando a 3.650 ore l’utilizzo annuo dei proiettori posti sulla Cattedrale.

Newsletter

Guarda anche...

Dance-Explosion-

Dance Explosion 2018: dal 15 al 22 settembre al Teatro Martinitt di Milano

L’appuntamento è ormai dei più attesi, dagli appassionati di danza e non. Perché gli spettacoli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi