Home | Televisione | Presadiretta sabato 3 marzo su Rai3 con la nuova inchiesta “L’omeopatia serve?”

Presadiretta sabato 3 marzo su Rai3 con la nuova inchiesta “L’omeopatia serve?”

“L’omeopatia serve?” è il titolo dell’inchiesta con cui Presadiretta sabato 3 marzo alle 21.30 su Rai3 entrerà nel mondo dell’omeopatia.

Un viaggio per scoprire cosa c’è davvero nei granuli con cui si curano 8 milioni di italiani con 20mila medici che li prescrivono, soprattutto pediatri. L’omeopatia la si usa per l’influenza, per le allergie, per l’asma e per numerose altre patologie.

Ma cosa resta delle molecole che compongono il principio attivo dopo le diluizioni infinitesimali cui vengono sottoposti i granuli omeopatici? E cosa c’è di comprovato nel principio alla base dell’omeopatia, “il simile si cura con il simile”? E nel concetto della “memoria dell’acqua”, sostenuto anche dal Premio Nobel per la medicina Luc Montagnier, e cioè della presunta proprietà dell’acqua di mantenere “la memoria” della sostanza con cui è venuta in contatto?

PresaDiretta ha indagato, tra l’Italia e la Francia, sui principi attivi curativi e sui meccanismi biologici attivati dai prodotti omeopatici. E’ andata nei laboratori per far analizzare il contenuto dei granuli, ha intervistato medici, biologi, chimici e naturalmente, gli omeopati.

L’industria dell’omeopatia muove un grande mercato. In Italia ha un bacino di 20 aziende con 4000 addetti, per un fatturato complessivo di circa 300 milioni di euro solo di prodotti. Poi ci sono le visite, la formazione, i master, le Università che hanno aperto le porte a corsi di studio dedicati. In Toscana, regione con altissimi standard nella Sanità pubblica, esiste addirittura un ospedale che affianca alle cure tradizionali quelle omeopatiche.

PresaDiretta ha fatto un viaggio nelle contraddizioni della presenza dei prodotti omeopatici all’interno del sistema della sanità pubblica. L’omeopatia non è rimborsabile dal sistema sanitario nazionale, ma è possibile detrarre sia le cure che i rimedi omeopatici.

PresaDiretta è andata in Francia, e ha intervistato l’amministratore delegato della più grande multinazionale al mondo per i prodotti omeopatici, che da sola vende più granuli di qualunque altro concorrente, fatturando più di 600 milioni di euro l’anno. Un francese su due si cura con l’omeopatia con prodotti rimborsati dal servizio sanitario pubblico. Ma anche nella patria dell’omeopatia le cose potrebbero presto cambiare.

In studio ospite di Riccardo Iacona Walter Ricciardi, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità.

“L’OMEOPATIA SERVE?” è un racconto di Riccardo Iacona con Danilo Procaccianti, Luigi Mastropaolo, Raffaella Notariale, Massimiliano Torchia, con la consulenza di Marco Piazza.

Newsletter

Guarda anche...

PresaDiretta

PresaDiretta. In onda lunedì 17 settembre su Rai3: “La città si cura”

Con “La città si cura”, in onda lunedì 17 settembre alle 21.15 su Rai3, PresaDiretta …

3 commenti

  1. Maria Previtali

    come mai nessuno dice quanto poco costano i rimedi omeopatici rispetto alle medicine convenzionali’

  2. Giuseppe Spinelli

    Sono indignato dalla faziosità della trasmissione di questa sera. Avete omesso moltissimo del materiale che avete girato perché era disfunzionale alle vostre tesi. Purtroppo la volontà dei vostri padroni vi impedisce di essere giornalisti indipendenti. Fate pena.

  3. In risposta al Programma sull.Omepatia, che hanno trasmesso venerdi sera su Rai 3,
    …….

    La Medicina è Una.
    La medicina è scienza.
    Gli operatori sanitari che la formano, i medici, visitano persone con malattie, fanno diagnosi e prescrivono di conseguenza una terapia o un percorso diagnostico di esami per arrivare ad una diagnosi.
    Eppure non è sempre così automatico e lineare il percorso diagnostico e terapeutico.
    Il medico dovrebbe essere una persona che oltre ad essere preparato nel campo di competenza, dovrebbe ascoltare i pazienti, conoscere le abitudini di vita, le modalità di reazione alla malattia, fare domande approfondire per conoscere in modo per così dire intimo, il proprio paziente, non tutti reagiscono allo stesso modo e con gli stessi sintomi per una certa malattia.
    L’individuo è unico.
    Le malattie invece, sono uguali per tutti. Eppure il modo di manifestare i sintomi e le modalità possono essere diverse tra un soggetto e l’altro.
    La Medicina omeopatica e le discipline mediche, cosiddette olistiche, prendono in considerazione non solo il sintomo o i sintomi che il paziente manifesta, ma anche il modo di manifestarli, le reazioni fisiche e psichiche, il temperamento e le emozioni con le quali vive il disagio o la malattia.
    Le critiche rivolte alla medicina omeopatica sono dirette principalmente ai prodotti utilizzati, considerano i rimedi o farmaci omeopatici, privi di principi attivi, rilevabili attraverso le comuni analisi chimiche.
    È vero, poiché il prodotto omeopatico è preparato a partire dal principio attivo, attraverso diluizioni con dinamizzazioni successive, il principio attivo praticamente viene così diluito da non lasciare traccia oltre ad una certa diluizione. L’effetto ottenuto con questo tipo di preparazione è una informazione di tipo elettromagnetica, frequenze quindi, non principio chimico.
    La differenza è sostanziale. Le frequenze e i campi elettromagnetici, sono in grado di stimolare i recettori biochimici posti sulle membrane delle cellule, stimolando reazioni specifiche che dovrebbero portare alla guarigione o miglioramento il paziente.
    I principi dell’omeopatia risalgono a più di duecento anni fa. E da allora diversi studi scientifici sono stati fatti, nel tentativo di spiegare i meccanismi d’azione dei rimedi naturali, riuscendoci qualche volta, mentre a volte non si è arrivati a spiegarne o comprenderne il meccanismo terapeutico. Eppure funziona.
    L’applicazione della medicina omeopatica prima di tutto è ad appannaggio dei medici che seguono specifici corsi post universitari, non tralasciando la possibilità di utilizzare il farmaco allopatico se necessario. Il
    Medico dovrebbe agire in scienza e coscienza nel rispetto del codice etico e deontologico della professione.
    Primo non nuocere. Quindi se utilizzo in farmaco omeopatico non rischio di nuocere o creare danno, la possibilità di avere beneficio o non averne è un’aspetto che il medico deve valutare e spiegare al paziente. Cosa che accade anche con i farmaci tradizionali.
    Ma quando il paziente si rivolge al medico omeopata? Quando le cure tradizionali non sono state in grado di curare i disturbi per i quali si è rivolto al medico curante. L’attenzione che viene posta al paziente da parte della medicina tradizionale, prende in considerazione solo i sintomi e quindi da questi nasce una presunta diagnosi e poi una prescrizione terapeutica.
    Pensiamo ai bambini, alcuni pediatri, 1 su 4, utilizza rimedi omeopatici per curare le comuni malattie dei bambini.
    Molto spesso con risultati sorprendenti, certo non sempre si hanno risultati positivi, come accade in ambito medico a volte. Come possiamo
    Immaginare, un bambino non è condizionabile, influenzabile sul piano emotivo e quindi beneficiare dell’effetto placebo, come evidenziato da chi critica l’omeopatia. Viene chiamato in causa l’effetto placebo del rimedio omeoptaico. Non è proprio così perché sono state fatte ricerche con diluizioni di principi attivi per la cura e il controllo delle reazioni allergiche misurando la liberazione di istamina da parte delle cellule competenti, i mastociti, controllando prima e dopo l’uso del farmaco omeopatico, confermando una diminuzione della liberazione di istamina con l’omeopatico ( P. Bellavite)
    Che dire dell’uso dell’omeopatia in veterinaria?
    Animali si possono condizionare come gli uomini? Non credo. Quindi se un prodotto omeopatico ha attività terapeutica sui bambini e sugli animali, si presume che questo effetto sia dovuto al principio attivo e non all’effetto placebo.
    Concludendo, esiste una medicina e non tanti tipi di medicina.
    Il rispetto per la persona prima di tutto, e l’attenzione alle terapie da proporre dovrebbe essere una delle priorità da parte del medico.

    Prof Giuseppe Di Fede
    Direttore Sanitario I.M.Bio Istituto di Medicina Biologica Milano e Istituto di Medicina Genetica Preventiva I.M.G.E.P Milano
    Docente nel Master di Nutrizione Umana c/o Univ. Pavia
    Socio Fondatore Associazione Ricerca Terapie Oncologiche Integrate A.R.T.O.I.
    Inviato da iPhone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi