Home | Radio Date | Michele Anelli: online il video del singolo “Il Migliore Sei Tu”

Michele Anelli: online il video del singolo “Il Migliore Sei Tu”

foto Paolo Sacchi

Da oggi, venerdì 13 aprile, è online su YouTube il video de “IL MIGLIORE SEI TU”, primo singolo di MICHELE ANELLI, che anticipa il nuovo album “DIVERTENTE IMPORTANTE”, in uscita il 20 aprile.

“Il migliore sei tu” è l’ultima canzone composta per il nuovo album e la prima che verrà pubblicata. Il singolo unisce tutte le passioni musicali di Michele, mettendo insieme gli insegnamenti del Rock’n’roll, della Soul music e del folk di Woody Guthrie.

Il video, diretto da Mario Zanetta, non segue in modo didascalico il testo della canzone, ma sceglie solo alcune frasi come trama e lascia alla spontaneità dello spettatore l’interpretazione delle immagini. Sullo schermo, all’inizio, appare un vecchio modello degli anni ’70 di un’etichettatrice Dymo che, grazie alla sua modalità di scrittura a pressione, incuriosisce da subito lo spettatore. La paura di essere diverso, di agire e di sbagliare è la fonte di ispirazione per le scene girate in studio, caratterizzate dal colore rosso e riprese come se si osservasse tutto ciò che ci circonda attraverso uno spioncino. A causa dell’incapacità di agire e di confrontarsi con gli altri, sembra esserci solo una soluzione, quella di vedere il mondo da lontano. L’unico modo per non lasciarsi sopraffare da tutto questo è l’emozione dell’incontro, racchiusa nella semplicità di un abbraccio o un sorriso.

«Il ripetersi di certi avvenimenti sociopolitici è la riprova di come alcune dinamiche si ripetono nel tempo – racconta Michele Anelli – la canzone non è però drammatica perché rilancia in ogni strofa l’idea che una persona è meglio di quello che l’attuale realtà lo porta a credere. Nei ritornelli, durante l’inquadratura di una televisione, le immagini che scorrono sono quelle del film “Il migliore” con Robert Redford. È la scena finale nella quale il protagonista fa l’ultimo “home run” della sua carriera in condizione di salute precaria. Come a dire “tieni duro e resta libero”».

Newsletter

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi