Home | Band | Secondamarea: online il video del singolo “Petrolio”

Secondamarea: online il video del singolo “Petrolio”

Ray Tarantino

Da oggi, venerdì 20 aprile, è online su YouTube il video di “PETROLIO”, primo singolo di SECONDAMAREA, che anticipa il nuovo album “SLOW”, in uscita il 27 aprile, da oggi in pre-order su iTunes

Nel video, diretto da Eros D’Antona, realtà e sogno si fondono e si mescolano. Le immagini accompagnano le note della canzone, alternando la visione dei Secondamarea, a quella onirica, bianca e un po’ spettrale di Kateryna Korchynska, l’attrice che dà corpo e volto all’assenza e al silenzio. Il video si pone come obbiettivo quello di mostrare un’allegria paradossale attraverso l’uso di colori forti, di cambi frequenti di abiti e costumi e di un gioco di riprese scattanti dal montaggio serrato.

«Il videoclip di “Petrolio” è una colorata messa in scena. – raccontano i Secondamarea – una visione caleidoscopica, una danza straniante e mascherata per ironizzare la forte tematica della canzone. Si cantano infatti il petrolio, gli anni bui, la massificazione, l’inquinamento fisico e intellettuale, l’ipertrofismo dei social media, il distacco sempre più evidente dalla realtà sensibile in favore della realtà virtuale (“nella pozzanghera sfuocata mi suicido e mi autoscatto”), la perdita di significato generale. Tuttavia si inneggia alla vita, alla risata e al pianto come uniche armi contro odio e terrore, uniche forme vitali per raggiungere verità e amore.».

Secondamarea sono Ilaria Becchino, classe 1982, e Andrea Biscaro, classe 1979, ed entrambi risiedono all’Isola del Giglio (Grosseto) da oltre 12 anni. Attivi sulla scena musicale indipendente dal 2005, hanno riscosso da subito consensi e riconoscimenti sia in Italia che all’estero. Hanno vinto numerosi premi tra i quali: Premio Ciampi, Premio De André, Premio Bindi, Biella Festival, Festival Internazionale di Monaco di Baviera e Premio Bianca d’Aponte. Nel 2007 esce “Chimera”, disco nato dai versi del poeta Dino Campana e utilizzato in diffusione sonora a Palazzo Vecchio per tutta la durata della mostra di Antonio Possenti dedicata al poeta. Sempre dello stesso anno è l’album-libro “Canzoni a carburo”, realizzato con la partecipazione di Gabriele Mirabassi al clarinetto e registrato e prodotto dalla Radio Svizzera Italiana, pubblicato nel 2009 con Stampa Alternativa/Nuovi Equilibri e, infine, rieditato nel 2016 da RadiciMusic Records in edizione deluxe. Alda Merini ne ha scritto la prefazione. Nel 2008 esce il libro-cd “Giraluna e altre storie” in cui 7 favole originali vengono raccontate e musicate dagli stessi Secondamarea. Nel 2013 pubblicano l’album-libro illustrato “Ballate della notte scura”, scritto su testi di Tiziano Sclavi, celebre autore e creatore del fumetto Dylan Dog. In seguito, nello stesso anno, esce “Gli anni del mare e della rabbia”, riedizione dell’album “Ballate della notte scura” contenente quattro inediti suonati insieme ad Antonio Marangolo (storico collaboratore di Paolo Conte, Francesco Guccini e Vinicio Capossela), uscita in esclusiva con XL-Repubblica in tutte le edicole. Ad aprile 2018 uscirà “Slow”, album di inediti pubblicato da RadiciMusic Records /Artist First, in cui i Secondamarea celebrano la natura e il ritmo del vivere naturale.

Newsletter

Guarda anche...

Secondamarea

Secondamarea il nuovo singolo: Via dell’orto

Da domani, venerdì 22 giugno, sarà in radio “VIA DELL’ORTO”, secondo singolo dei SECONDAMAREA, estratto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi