Home | Tempo d'Europa | Parlamento europeo: interrogazione urgente sul caso Alfie Evans

Parlamento europeo: interrogazione urgente sul caso Alfie Evans

Sul caso del piccolo Alfie Evans, il bambino britannico di 23 mesi affetto da patologia neurodegenerativa e ricoverato all´Alder Hey di Liverpool, si muove anche il Parlamento europeo. Con un´interrogazione urgente alla Commissione europea, le eurodeputate del Partito Democratico e del gruppo S&D Silvia Costa e Patrizia Toia si rivolgono ai responsabili della Salute, Vytenis Andriukaitis, e della Giustizia, Vĕra Jourová, chiedendo un´azione decisa da parte dell´Unione europea.

Per Silvia Costa – che in questi giorni ha seguito da vicino il caso, in stretto contatto con i legali della famiglia Evans, il governo italiano, la rappresentanza diplomatica italiana nel Regno Unito e l´ospedale Bambino Gesù, che si è offerto di trasportare, curare e assistere il piccolo -, “l´Alta Corte britannica ha negato ad Alfie il diritto di ricevere cure e prestazioni sanitarie in un altro Stato membro dell´Unione, come richiesto dai suoi genitori, così violando i diritti fondamentali dell´Ue e la libera circolazione dei pazienti nel territorio dell´Ue”.

“Nonostante la sospensione della respirazione artificiale disposta dalla stessa Alta Corte del Regno Unito, il bimbo è ancora in vita, mentre due ospedali italiani si sono già generosamente offerti di accoglierlo nelle proprie strutture – scrivono le due eurodeputate italiane alla Commissione europea -; chiediamo pertanto ai commissari competenti di sottoporre con urgenza il provvedimento giudiziario britannico all´esame della Corte di Giustizia dell´Unione europea.

Alfie Evans – dopo un provvedimento del governo e del Presidente della Repubblica – è da oggi cittadino italiano: “Una decisione toccante e straordinaria da parte del nostro governo – commenta Silvia Costa -. Ma una pagina triste per l´Europa, se un cittadino europeo deve ricorrere alla cittadinanza di un altro Stato membro per far valere dei diritti di cui è già titolare in quanto cittadino del Regno Unito, e quindi ancora di uno Stato membro. L´Ue costituisce infatti uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia senza frontiere interne e garantisce ai suoi cittadini una libera circolazione al suo interno, specialmente ai più deboli, come ci ricorda la direttiva 24/2011 sull´assistenza sanitaria transfrontaliera”.

Newsletter

Guarda anche...

Silvia Costa

Silvia Costa: “La crescita del mercato digitale passa dall’emancipazione femminile”

L’Europa deve incoraggiare un maggiore inserimento della componente femminile nel mercato delle tecnologie dell’informazione e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi