Home | Manifestazioni | Cremona Musica 2018 inizia nel migliore dei modi

Cremona Musica 2018 inizia nel migliore dei modi

Inizia con i migliori auspici la nuova edizione di Cremona Musica International Exhibitions and Festival, che oggi ha aperto i cancelli facendo registrare un grande successo di pubblico. Già nella prima delle tre delle tre giornate dedicate agli strumenti musicali di alto artigianato e alla grande musica, la fiera si è riempita grazie ai tanti visitatori provenienti da tutto il mondo, che hanno molto apprezzato le novità di questa edizione, come la nuova disposizione degli spazi espositivi e gli eventi speciali che hanno caratterizzato la prima giornata, primi fra tutti la masterclass del violinista Maxim Vengerov e la cerimonia di premiazione dei Cremona Musica Awards.

Il violinista di origine russe ha intrattenuto con la sua classe e la sua simpatia il folto pubblico accorso ad assistere alla sua masterclass pubblica, riservata a tre giovani e promettenti violiniste, Clarissa Bevilacqua, Sofia Manvati e Sara Zeneli. Poco dopo, si è svolta la premiazione dei Cremona Musica Awards per le categorie performance (Maxim Vengerov), comunicazione (Alessandro Baricco) e progetto (Kuhmo Chamber Music Festival). Nell’ambito della cerimonia è stato suonato in prima esecuzione un brano composto per l’occasione da Vladimir Mendelssohn, direttore artistico del Festival di Kuhmo, intitolato “Aforismi” e basato su testi di Alessandro Baricco, recitati dallo stesso scrittore. Il brano è stato eseguito da tre dei migliori allievi ed ex allievi dell’Istituto Monteverdi di Cremona (Sara Zeneli al violino, Andrea Nocerino al violoncello e Evgenia Lysohor al pianoforte), assieme allo stesso Vladimir Mendelssohn alla viola e con la divertita partecipazione di Maxim Vengerov, che ha suonato la parte del triangolo.

Vengerov ha così commentato la giornata: “E’ stato un grande onore per me venire a ricevere questo premio e stare insieme agli altri vincitori, tutti grandi artisti nel loro campo. Ho anche avuto l’occasione di tenere una masterclass con studentesse italiane estremamente talentuose e sono stato molto felice di vedere molti giovani nel pubblico. E’ sempre bello vedere eventi così interessanti, capaci di radunare le persone per godersi la musica e parlare di musica, e Cremona unisce proprio le persone che amano la musica. Sono contento di aver visitato una città che ha dato i natali a maestri del calibro di Stradivari. Sono anche il fiero possessore di uno Stradivari Kreutzer 1727.”

“Sono molto grato per il premio ricevuto. Domani spero di potermi perdere nel reparto liuterie e di fare un piccolo salto per vedere se trovo un produttore di chitarre elettriche”, ha aggiunto Alessandro Baricco.

Vladimir Mendelssohn, dicendosi “onorato e contentissimo di ricevere un riconoscimento di altissima qualità e così significativo”, ha commentato la performance: “Una decina di giorni fa Roberto Prosseda mi dice ‘guarda che ci sarà una premiazione di Vengerov, di Baricco e del tuo festival, se volete suonate qualcosa…’. Ho detto, ‘facciamo qualcosa di speciale, mandami dei testi di Baricco e comporrò un pezzo per tutti noi’. Lui sapeva che poteva contare su di me. Il pezzo è stato finito alle due del mattino del 28 settembre stesso e mandato per email a questi bravissimi musicisti che l’hanno suonato. Poi ci siamo incontrati alle 11 la mattina e abbiamo suonato alle 18. Un pezzo che è un riflesso delle parole di Baricco”.

La cerimonia degli altri premiati si svolgerà nella giornata conclusiva, domenica pomeriggio.

Grande curiosità hanno destato anche “Mysterium”, lo spettacolo multisensoriale per pianoforte, luci e profumi, del pianista Antonio Artese, e la presentazione di alcune innovative tecnologie per musicisti, come gli occhiali per leggere le partiture all’interno della lente, senza spartito né leggio, con protagonista il violinista Marat Bisengaliev.

Molto apprezzata anche per la nuova disposizione degli spazi espositivi, novità gradita sia dagli espositori che dal pubblico, che ha potuto apprezzare nel migliore dei modi la qualità degli oltre 5000 strumenti in esposizione. Quest’anno infatti la sezione dei pianoforti è stata spostata in un’area dedicata, concedendo ad ogni costruttore una sala indipendente, in modo da garantire un migliore ascolto durante le prove degli strumenti e le esibizioni dal vivo. Di conseguenza le altre aree hanno potuto accogliere più comodamente gli archi, i fiati, le chitarre e le fisarmoniche esposte, e i tanti visitatori accorsi.

Cremona Musica per l’edizione 2018 accoglie 320 espositori, di cui il 52% dall’estero, per un totale di più di 5000 strumenti esposti. Gli oltre 160 eventi ospitati vedranno protagonisti circa 400 artisti, fra il 28 e il 30 settembre.

Newsletter

Guarda anche...

Cremona Musica 2018

Cremona Musica 2018: un vero e proprio festival internazionale

Cremona Musica unisce alla consueta presenza di centinaia di espositori e migliaia di prodotti musicali …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi