Home | Cantanti | Juel pubblica il video ‘Applauso per Te’ e annuncia l’EP Stonger

Juel pubblica il video ‘Applauso per Te’ e annuncia l’EP Stonger

S’intitola Stonger il nuovo EP di Juel dal 7 dicembre in tutte le piattaforme digitali, accompagnato dal singolo e video ‘Applauso per Te’. Cinque tracce inedite che saranno accompagnate da cinque rispettivi videoclip di prossima pubblicazione. Ognuno rappresenta un volto di Juel, che non si identifica in un solo genere, ma, che ama usare tutte le sue influenze musicali per dare voce alle proprie emozioni ed esperienze di vita. Nell’EP convivono il rap di ‘Applauso per te’ e ‘Angelo senza ali’, il pop di ‘Non è amore’, la trap-dance di “Donna Guerriera” e il pop-rock di “Uno di quei giorni”. ‘Stronger’, motto che Juel si è tatuata sulla gamba sinistra.

Il singolo ‘Applauso per Te’ è una canzone che svela esplicitamente tutti i dettagli di un tradimento subito, un grido tutto femminile che con la musica vuole esorcizzare la sua rabbia, celebrandone il protagonista con un applauso. Juel, per questo pezzo, torna a scrivere in barre e a cantare rap usando termini e metafore che non lasciano spazio all’immaginazione. Un ritorno anche a un look più aggressivo, che sottolinea il suo stato d’animo. Uno stile combattivo e street si collocano in questa sterzata verso sonorità urban e pop.

Per il videoclip ha scelto la città più romantica d’Europa: Parigi, come a voler sottolineare la rabbia di un amore tradito e finito e il senso ironico per la beffa ricevuta. La vediamo passeggiare nel cimitero di Père-Lachaise a simboleggiare la morte del rapporto (o forse augurando la morte al suo ex), per poi passare al letto di un lussuoso hotel in babydoll. Nelle sue parole oltre la rabbia si percepisce una delusione profonda, ma, anche la voglia di rivalsa e di ritornare a credere in se stessa. La protagonista percorre le strade di Parigi fino ad arrivare sulla famosa scalinata di Montmartre, dove salta, scherza e ride esorcizzando il suo ruolo di “cornuta”. Passa dal clima allegro e bucolico dei Jardin du Luxembourg ai gelidi e moderni palazzi della Biblioteca Nazionale di Francia sulla rive gauche della Senna, dove l’acciaio e la geometria della struttura contemporanea vengono in sostegno al sentimento e all’interpretazione aggressiva, cruda e fredda di Juel.

Newsletter

Guarda anche...

Juel

Intervista alla cantautrice, ballerina e modella Juel

Nuovo capitolo per la cantautrice, ballerina e modella Juel, che ancora una volta mescola le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi