Home | In Sociale | UNICEF: aiuti per i bambini e le famiglie della Siria
UNICEF
UNICEF

UNICEF: aiuti per i bambini e le famiglie della Siria

21 febbraio 2013 – “I bambini in Siria stanno pagando il prezzo più pesante per il conflitto in corso” – ha dichiarato il Presidente dell’UNICEF Italia Giacomo Guerrera- “Sono stati arrestati, mutilati e uccisi. Mentre il conflitto si intensifica, sempre più bambini sono costretti ad abbandonare le proprie case e cercare rifugio in altri luoghi e lungo le frontiere, perdendo la scuola e le vaccinazioni di base. Più il conflitto si trascina, più alto è il rischio di avere una generazione ‘perduta’ di bambini che porteranno le cicatrici fisiche ed emotive di questo conflitto per molti anni a venire”.
Nonostante l’intensificarsi delle violenze e la mancanza di fondi, l’UNICEF sta rafforzando l’invio degli aiuti in Siria, considerato che più di 4 milioni di persone hanno bisogno di assistenza umanitaria. Almeno metà del totale della popolazione colpita è costituita da bambini. A causa del conflitto molti sono sfollati internamente, e stanno vivendo in rifugi collettivi con pochissimi mezzi.
“Anche se la situazione si è deteriorata, l’UNICEF è riuscito ad aumentare le proprie operazioni per fornire aiuti di prima necessità come coperte, vestiti per bambini, kit igienici, teli di plastica e biscotti ad alto potenziale nutritivo”, ha dichiarato Youssouf Abdel-Jelil, Rappresentate dell’UNICEF in Siria.
“Con l’attuale situazione della sicurezza, è stata una grande sfida raggiungere alcune di queste aree”, ha aggiunto Abdel-jelil. “Ma grazie agli sforzi dei nostri partner e al nostro personale sul campo, siamo riusciti a fare progressi reali”.
Recentemente l’UNICEF ha preso parte ad una missione con altre agenzie che hanno consegnato aiuti salvavita a circa 6.000 sfollati in Karameh nella provincia di Idleb nella Siria Nord-Occidentale.
Alcune delle città raggiunte negli ultimi tre mesi sono state al centro di duri e prolungati scontri. Nel nord della città di Aleppo l’UNICEF e i suoi partner hanno distribuito 45.000 coperte e trapunte – aiuti di cui la popolazione ha disperato bisogno in questo rigido inverno.
A Deir Er-Zoz, Al – Hasaka, Idleb, Al-Raqqa e Damasco un totale di 90.000 coperte sono state distribuite ai bambini e alle loro famiglie, insieme a 14.000 teli di plastica e più di 10.000 vestiti per bambini. A Tartus e Homs (inclusa Talbiseh), l’UNICEF ha raggiunto 7.000 bambini con 176 kit scolastici.
Continuano anche le operazioni per la distribuzione di 1.000 tonnellate di sostanze di cloro per il trattamento idrico in Siria. Il cloro è necessario per assicurare che l’acqua che raggiunge circa 10 milioni di persone in varie parti del paese sia pulita e per evitare il rischio di contagi da malattie legate all’acqua. L’UNICEF stima che, a causa della distruzione delle infrastrutture idriche, la disponibilità di acqua in alcune aree è calata ad un terzo rispetto ai livelli precedenti al conflitto.
La mancanza di fondi rappresenta un’importante limitazione per l’UNICEF per poter aumentare la sua risposta all’emergenza. Nell’ambito del Syria Humanitarian Assistance Response Plan (varato dall’ONU nel dicembre 2012), l’UNICEF ha lanciato un appello per 68 milioni di dollari per far fronte alla situazione in Siria nei settori di acqua, servizi igienici, salute, nutrizione, istruzione e supporto psicologico. Meno del 20% dell’appello risulta coperto.

Guarda anche...

Unicef

Paddington nuovo testimonial della campagna UNICEF

In attesa di poter vedere nelle sale italiane il 9 novembre Paddington 2 – sequel …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi