Home | in Politica | Elezioni 2013. Per Grillo una valanga di voti clicca sul Link per monitorare lo spoglio elettorale
Beppe Grillo
Beppe Grillo

Elezioni 2013. Per Grillo una valanga di voti clicca sul Link per monitorare lo spoglio elettorale

Centrodestra avanti al Senato con il 31% dei voti, centrosinistra al 29,7%. Secondo la prima proiezione Tecnè per Sky Tg24 (13% del campione), la coalizione Pdl-Lega e altri sarebbe in vantaggio nel conteggio complessivo nazionale dei voti a Palazzo Madama. Il Movimento 5 stelle di Grillo sarebbe al 26%, la Lista Monti all’8,2%, Rivoluzione civile di Ingroia all’1,9, Fare per fermare il declino di Giannino allo 0,7%, altri 2,6%. Dati che confermano la prima proiezione Rai che ha ribaltato le indicazioni degli instant poll dando il centrodestra in vantaggio per il Senato con il 31%. La copertura del campione è del 13,85%.

clicca qui per monitorare lo spoglio elettorale

Anche per Rai-Piepoli il centrosinistra è accreditato del 29,5, il Movimento5Stelle del 25,1 (che sarebbe il primo partito), la lista di centro del 9,6. Il Movimento 5 Stelle, invece, è il primo partito al Senato stando alla prima proiezione dell’istituto Pipeoli per la Rai, con copertura del campione del 13,85%. Il movimento di Beppe Grillo è accreditato del 25,1%, il Pd subito dopo al 25, il Pdl al 22,7, Scelta Civica al 9,6, la Lega al 3,9, Sel al 3, Fratelli d’Italia al 2, Rivoluzione Civile all’1,8.

Una situazione completamente diversa dai primi instant poll di Tecnè per Sky Tg24 in cui il centrosinistra si era assicurato il premio di maggioranza alla Camera con il 34,5% dei voti e avrà 340 seggi a Montecitorio. Il centrodestra invece era dato al 29% (140 seggi), il Movimento 5 stelle 19% (91 seggi), Scelta civica Monti 9,5% (46 seggi). Rivoluzione civile sarebbe sotto lo sbarramento del 4% e non avrebbe nessun eletto.

Per l’instant poll al Senato il centrosinistra si piazza 6 punti avanti alla coalizione di centrodestra. Lo schieramento guidato da Pierluigi Bersani ottiene, il 37% contro il 31% dello schieramento di centrodestra guidato da Silvio Berlusconi. Terzo il Movimento cinque stelle con il 16,5%, quarto Mario Monti con Scelta civica al 9%. In bilico la Lombardia, invece, che solo di poco sembra essere nelle mani del centrosinistra. Mentre a Palermo si conferma roccaforte del M5S col 31,14% delle preferenze.

Sul fronte regionali il centrosinistra ha conquistato il Lazio con il 35% dei voti, seguito dal centrodestra al 30%, dal Movimento 5 Stelle al 18% e da Scelta civica per Monti al 10%. Rivoluzione civile è attestata al 3%. Altri all’1%. Secondo il primo Instant poll di Piepoli per la Rai, il candidato del centrosinistra per la presidenza Nicola Zingaretti ha ottenuto tra il 52 e il 54%, seguito dal candidato del centrodestra, Francesco Storace tra il 28-30%, Giulia Bongiorno (Lista Bongiorno) tra il 4-6%, Davide Barillari, Movimento 5 Stelle tra il 7-9%, Sandro Ruotolo, di Rivoluzione Civile tra l’1-2%. In lombardia testa a testan tra Umberto Ambrosoli e Roberto Maroni, che avrebbero ottenuto entrambi tra il 42% e il 44% dei consensi.

Inizia lo spoglio, quindi, in questo secondo e ultimo giorno di votazione per il rinnovo completo della Camera e del Senato e l’elezione di tre presidenti di Regione con relativi Consigli regionali in Lazio, Lombardia e Molise. L’affluenza alle urne nella giornata di ieri è stata del 55,17%, in forte calo rispetto alle ultime elezioni (62,55%). Per le regionali, in Lombardia e Lazio invece la partecipazione al voto è stata nettamente superiore alla precedente tornata elettorale. In questo caso lo scrutinio comincerà domani, a partire dalle 14.

Tra gli ultimi leader politici a presentarsi alle urne quello del M5S Beppe Grillo, che, dopo aver votato, è uscito con la matita in mano. E’ dovuto tornare indietro per restituirla agli scrutatori: dopo pochi passi l’ex comico si è accorto di aver portato con sè la matita e l’ha subito riconsegnata alla presidente del seggio. “E’ rimasto il segno, non ci sono brogli, era copiativa”, ha detto ai giornalisti che lo attendevano all’esterno della scuola. “Ho pensato un po a chi votare, ero indeciso. Casini mi dava fiducia perché ha Caltagirone dietro, un uomo operoso, poi ho votato l’istinto” ha ironizzato il blogger, che seguirà i risultati dal suo “orto” e che per festeggiare una eventuale vittoria ha già dato appuntamento “on line, in streaming”. “Seguirò i risultati dal mio orto, non riesco più a fermare la crescita della lattuga, ho questi problemi” ha dichiarato ai giornalisti.

Gli elettori chiamati alle urne sul territorio nazionale sono stati per la Camera 47.011.309, di cui 22.569.269 maschi e 24.442.040 femmine, e per il Senato 43.071.494, di cui 20.547.324 maschi e 22.524.170 femmine, che hanno eletto 618 deputati e 309 senatori.

Guarda anche...

Beppe Grillo

Beppe Grillo: 'Renzi smetta di scherzare col fuoco'

“Arriverà la troika? Forse entro la primavera. Di certo questo governo non sta più in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi