Home | In Sociale | Unicef: rapporto su ‘I bambini delle Siria’
Unicef

Unicef: rapporto su ‘I bambini delle Siria’

Secondo un rapporto lanciato oggi dall’UNICEF, la violenza incessante, i massicci spostamenti di popolazione e i danni alle infrastrutture e ai servizi essenziali causati dal conflitto siriano rischiano di lasciare un’intera generazione di bambini segnata per tutta la vita.
A due anni dall’inizio del conflitto in Siria, secondo il nuovo Rapporto “I bambini della Siria: una generazione perduta”, i bambini stanno pagando il prezzo più alto delle violenze: oltre 2 milioni di essi sono colpiti dal conflitto; di questi più di 1.800.000 in Siria e oltre 500.000 fuggiti in Libano, Giordania, Iraq, Turchia e Egitto.
“Milioni di bambini all’interno della Siria e in tutta la regione sono testimoni della scomparsa del loro passato e del loro futuro a causa delle macerie e della distruzione di un conflitto prolungato; il rischio che diventino una generazione perduta cresce ogni giorno”, ha dichiarato il Direttore generale dell’UNICEF Anthony Lake.
Il rapporto – che fa il punto della situazione a due anni dall’inizio della crisi in Siria – sottolinea che nelle zone in cui i combattimenti sono stati più intensi, l’accesso all’acqua è diminuito di due terzi con conseguente aumento di malattie respiratorie e della pelle, mentre una scuola su cinque è stata distrutta, danneggiata o utilizzata come ricovero per le famiglie sfollate. Ad Aleppo, ad esempio, solo il 6% dei bambini attualmente frequenta la scuola.
Le classi che funzionano ancora sono composte anche da oltre 100 bambini. Ospedali e centri sanitari sono stati distrutti e il loro personale qualificato è fuggito. Nel frattempo, i bambini soffrono il trauma di vedere i membri della famiglia e gli amici uccisi e sono terrorizzati da rumori e scene di scontri.
“Esortiamo tutte le parti a permettere di raggiungere senza alcuna limitazione i bambini colpiti dalle violenze, ovunque si trovino”, ha detto Lake. “Possiamo far fronte alle crescenti necessità causate dalla crisi, solo se riusciremo a portare gli aiuti di cui oggi c’è bisogno”.
Dall’inizio della crisi, la risposta dell’UNICEF e dei suoi partner si è focalizzata sulla fornitura di acqua potabile e servizi igienico-sanitari, programmi di protezione, istruzione per i bambini e le famiglie sfollate all’interno della Siria e le popolazioni rifugiate in tutta la regione.
Oggi, grazie al lavoro dell’UNICEF, 4 milioni di persone all’interno del paese hanno accesso all’acqua potabile, mentre team sanitari mobili hanno contribuito a vaccinare 1,5 milioni di bambini contro il morbillo e la polio. Circa 75.000 bambini colpiti frequentano le lezioni.
In Giordania, Libano, Iraq e Turchia, l’UNICEF assiste più di 300.000 bambini rifugiati con acqua potabile, servizi igienico-sanitari, istruzione, assistenza specialistica e protezione dallo sfruttamento e dall’abuso.
Tuttavia, questo grande impegno è minacciato da una grave mancanza di finanziamenti. Nel mese di dicembre 2012, l’UNICEF ha lanciato un appello per 195 milioni di dollari per aiutare i bambini siriani e le loro famiglie fino a giugno 2013. Ad oggi, l’appello è stato finanziato per meno del 20%.

Emergenza Siria, donazioni all’UNICEF tramite:
– bollettino di c/c postale numero 745.000, intestato a UNICEF Italia, specificando la causale “Emergenza Siria”
– carta di credito online sul sito www-unicef.it, oppure telefonando al Numero Verde UNICEF 800 745 000
– bonifico bancario sul conto corrente intestato a UNICEF Italia su Banca Popolare Etica: IBAN IT51 R050 1803 2000 0000 0510 051, specificando la causale “Emergenza Siria”
– presso il Comitato UNICEF della tua città (elenco sul sito www.unicef.it).

Per ulteriori informazioni: Ufficio Stampa UNICEF Italia, tel. 06/47809233/346 – 02/465477212, 3664269962.
Portavoce UNICEF Italia: 06/47809355 e 366/6438651, e-mail: press@unicef.it, sito-web: www.unicef.it

 

Guarda anche...

unicef

Unicef. Siria: aiuti ai bambini che vivono nei rifugi collettivi nella Ghouta orientale e ad Afrin

Nella Ghouta orientale trasportati circa 12.000 metri cubi di acqua pulita in 8 rifugi collettivi; …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi