Home | Milano | Debutta giovedì 28 marzo a Milano il nuovo tour di Massimo Zamboni e Angela Baraldi
Massimo Zamboni e Angela Baraldi
Massimo Zamboni e Angela Baraldi

Debutta giovedì 28 marzo a Milano il nuovo tour di Massimo Zamboni e Angela Baraldi

Debutta giovedì 28 marzo al Circolo Arci Biko di Milano il nuovo tour di Massimo Zamboni e Angela Baraldi. I due musicisti emiliani presentano in anteprima nazionale l’album Un’infinita compressione precede lo scoppio (Upr / Edel).

Il sodalizio tra Massimo Zamboni (chitarrista dei CCCP e dei CSI) e Angela Baraldi nasce due anni fa intorno all’idea di un concerto: “Solo una terapia – dai CCCP all’estinzione”. Annunciato tra lo scetticismo di chi reputava impossibile riproporre il repertorio dei CCCP, il live è andato imponendosi e conquistando un po’ tutti: la potenza della scrittura di Masimo Zamboni e la forza comunicativa di Angela Baraldi oltre ogni preconcetto. Sessanta concerti culminati nei tre eventi della scorsa estate, “30 anni di ortodossia”, che hanno riempito le arene estive.

Questa forza e questa comunicazione non potevano perdersi e sono confluite in un album. Cosi nascono le undici canzoni di Un’infinita compressione precede lo scoppio, la cui uscita coincide con la ripresa dei concerti del duo. Un set in cui i nuovi brani si uniscono a quelli del repertorio CCCP / CSI. Sul palco con Massimo e Angela i musicisti di sempre: Erik Montanari alle chitarre, Cristiano Roversi al basso e Simone Filippi alla batteria.

Di seguito la presentazione scritta da Massimo Zamboni:
“Massimo Zamboni – Angela Baraldi. Nomi e cognomi, e niente sigle. Siamo noi: sogni, visioni, pensieri, istinti, voglie, paure, arrabbiature e la loro trasformazione in canzoni e suoni, testi, immagini. Canzoni nuove, concepite negli anni e registrate/mixate in questi mesi di autunno/inverno 2012/13. Molte canzoni erano già nella mia testa, come patrimonio, ma se le canzoni esistono di per sé, pure vivono solo quando si incarnano nel corpo di un cantante… E al mio fianco c’è una grande cantante. Sono due anni che percorriamo l’Italia, affinando l’intesa, scovando i luoghi in comune, stimolando le affinità. Non è un processo facile, e quando accade – senza studio; senza calcolo – ha del miracoloso. Trasformare un “io” in un “noi” è sempre un processo entusiasmante, e decidere di non rinchiudersi in un gruppo stabilito rende prezioso e creativo l’instabile equilibrio quotidiano. Ci sono tante persone che gravitano attorno a questo noi, i musicisti con cui lavoriamo da anni (Simone Filippi, Erik Montanari, Cristiano Roversi), vecchie conoscenze che ritornano come ospiti eccellenti (Gianni Maroccolo, Giorgio Canali). Alla fine ci sono le canzoni, undici in questo cd, diversissime tra loro, come il nostro umore e le nostre capacità di espressione. La voce di Angela unifica tutte queste anime. E c’è un Paese che ci contiene – l’Italia – cui è idealmente dedicato questo album, anzi, è rivolto. Le nostre antenne captano segnali di paura, di sconcerto, di sconcerto collettivo, un rumore di fondo fatto di clacson e spade sguainate. Come esuli spaziali cantiamo il nostro spaesamento, offrendolo in musica a chi lo vuole condividere. Insomma, sia qua, del tutto esposti. Passati ingombranti alle spalle, che vi preghiamo di non far diventare zavorre. Futuro in formazione. Dovessi definire ciò che facciamo, oggi direi “Esistenzialismo elettrico”. Niente di decadente, ché nel quotidiano vivo da contadino. Un’infinita compressione precede lo scoppio, poi una nuova espansione e un ordine diverso si imporranno. Siamo tutti spettatori sul margine di un processo. Fortunatamente, se vorrete, ci siete voi, unica eterna ragione per continuare a esporsi”.
m. z.

 

Circolo Arci Biko in collaborazione con Via Audio > Eventi presenta
Massimo Zamboni e Angela Baraldi
live
+ Opening act: KITSCH
Giovedì 28 marzo dalle 22 @ BIko
Via Ettore Ponti, 40 – Milano

Guarda anche...

Massimo Zamboni

Massimo Zamboni con “I Soviet + L’Elettricità” in prima assoluta al Teatro Augusteo di Napoli

Debutta il giorno esatto in cui, cento anni fa, i bolscevichi formarono il governo rivoluzionario …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi