Home | In Sociale | UNICEF: nella Repubblica Centrafricana sono ora 2 milioni i bambini colpiti dal conflitto
UNICEF
UNICEF

UNICEF: nella Repubblica Centrafricana sono ora 2 milioni i bambini colpiti dal conflitto

30 marzo 2013 – A causa dei saccheggi e dell’insicurezza del conflitto nella Repubblica Centrafricana, 2 milioni di bambini non hanno accesso ai servizi sociali di base e sono esposti alla violenza. Ancora più bambini ne saranno privati ​​se la situazione nel paese non si stabilizza rapidamente.
Una settimana dopo la conquista del paese da parte della coalizione Seleka, l’UNICEF avverte che le condizioni di sicurezza impediscono agli aiuti umanitari di raggiungere i bambini. Il risultato potrebbe essere fatale per i bambini, molti dei quali sono già in una condizione di fragilità.
“I bambini nella Repubblica Centrafricana erano in Africa tra i più vulnerabili anche prima del recente aumento nei combattimenti”, ha detto Manuel Fontaine, Direttore Regionale dell’UNICEF. “E ‘indispensabile avere accesso completo e sicuro alle comunità colpite dal conflitto. Con ogni giorno perso, ogni fornitura e contrastato ogni fornitura rubato, ancora più bambini possono morire”.
Dalla conquista di Bangui e i successivi saccheggi, l’UNICEF stima che almeno 4,1 milioni di persone – di cui quasi la metà sono bambini- , sono ora direttamente colpiti dalla crisi e dalla fine di dicembre, 1,2 milioni di persone sono state tagliate fuori dai servizi essenziali .
Questa settimana, dieci tonnellate di aiuti di prima necessità sono stati rubati dal magazzino centrale dell’UNICEF; gli aiuti – che erano stati destinati a 30.000 tra le persone più vulnerabili, in particolare a bambini e donne – includevano: kit per l’acqua, coperte, zanzariere, teli di plastica e farmaci essenziali.
“I bisogni e i diritti dei bambini devono essere la priorità per il nuovo governo”, ha detto Souleymane Diabate, Rappresentante UNICEF nella Repubblica Centrafricana. “E’ fondamentale per l’UNICEF e per le altre organizzazioni umanitarie essere in grado di operare in un ambiente sicuro e in cui abbiamo accesso a tutta la popolazione”.
“Per ogni giorno in cui non siamo in grado di fornire aiuto dove è necessario,
il rischio di malattie ed epidemie aumenta. In che modo la Repubblica Centrafricana può andare avanti, se aiuti umanitari essenziali vengono rubati dalle persone che ne hanno più bisogno? ”
L’UNICEF esorta tutte le parti in conflitto a cessare immediatamente il saccheggio di aiuti umanitari, per garantire un accesso libero e sicuro degli operatori umanitari a chi ne ha bisogno, e di garantire che tutte le parti coinvolte rispettino i principi umanitari, i diritti umani e lo Stato di diritto.
“È giunto il momento per la coalizione Seleka che ha preso il potere lo scorso fine settimana, di dimostrare veramente quanto sia impegnato nei principi umanitari e nei diritti umani per tutti gli Africani Centrali”, ha detto Manuel Fontaine, Direttore regionale dell’UNICEF per l’Africa occidentale e centrale.

Guarda anche...

unicef

Unicef per Settimana dell’Acqua: 600 milioni di bambini non hanno servizi igienico-sanitari di base a scuola

In occasione della Settimana Mondiale dell’Acqua (26-31 agosto), l’UNICEF rilancia il tema dell’acqua sicura e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi