Home | In Sociale | UNICEF: nel mondo, un bambino su quattro soffre di malnutrizione cronica
UNICEF
UNICEF

UNICEF: nel mondo, un bambino su quattro soffre di malnutrizione cronica

Un nuovo rapporto dell’UNICEF, lanciato oggi, mostra i risultati sui progressi concreti nella lotta alla malnutrizione cronica – la faccia nascosta della povertà per 165 milioni di bambini sotto i cinque anni di età. Il rapporto evidenzia che un progresso rapido è possibile e necessario.
Un bambino su quattro su tutti i bambini sotto i cinque anni, nel mondo, soffre di arresto della crescita a causa della malnutrizione cronica nel periodo cruciale della crescita. Si stima che l’80% dei bambini malnutriti nel mondo vivono in soli 14 paesi.
Nell’Africa subsahariana e in Asia meridionale sono concentrati i tre quarti di tutti i bambini che soffrono di malnutrizione cronica del mondo: in Africa subsahariana il 40% dei bambini sotto i 5 anni sono cronicamente malnutriti; in Asia Meridionale il 39%. Nel 2011, i 5 paesi con il più alto numero di bambini sotto i 5 anni con malnutrizione cronica erano: India (61,7 milioni), Nigeria (11 milioni), Pakistan (9,6 milioni), Cina (8 milioni) e Indonesia (7,5 milioni).
Il Rapporto “Improving Child Nutrition: The achievable imperative for global progress” conferma che la chiave per ottenere risultati contro la malnutrizione cronica è focalizzare l’attenzione sulla gravidanza e sui primi due anni della vita del bambino. La malnutrizione cronica nei bambini non significa soltanto arresto della crescita, cioè un’altezza inferiore rispetto agli standard della loro età. Può anche significare sofferenza causata dall’arresto dello sviluppo del cervello e delle capacità cognitive.
“La malnutrizione cronica può eliminare le opportunità di un bambino e di conseguenza eliminarle dallo sviluppo di una nazione”, ha dichiarato Anthony Lake, Direttore generale dell’UNICEF: “Le nostre evidenze sui progressi raggiunti mostrano che ora è il momento di premere l’acceleratore.”
Il Rapporto dell’UNICEF mostra successi nell’ampliamento delle politiche per la nutrizione, nei programmi e nei cambiamenti dei comportamenti in 11 paesi: Etiopia, Haiti, India, Nepal, Perù, Ruanda, Repubblica Democratica del Congo, Sri Lanka, Kirghizistan, Repubblica Unita della Tanzania e Vietnam.
I danni fisici e mentali del bambino causati dalla malnutrizione cronica sono irreversibili. Riducono le performance a scuola e i guadagni futuri. È un’ingiustizia che si trasmette di generazione in generazione e che limita lo sviluppo nazionale. I bambini cronicamente malnutriti, rispetto agli altri, sono esposti anche a un più alto rischio di morte per malattie infettive.
Ma in una parte dell’India – in cui vivono 61 milioni di bambini malnutriti – i progressi sono ancora in corso. A Maharashtra , uno degli stati più ricchi del paese e il secondo per popolazione, il 39% dei bambini sotto i due anni di età ha sofferto di malnutrizione cronica tra il 2005-2006. La percentuale è scesa nel 2012 al 23%, come dimostrato da una ricerca sullo stato nutrizionale nello stato, largamente supportata da lavoratori in prima linea per migliorare la nutrizione dei bambini.
In Perù, la malnutrizione cronica è scesa di un terzo tra il 2006 e il 2011 seguendo un’Iniziativa sulla Malnutrizione dei Bambini che ha coinvolto i candidati politici nella firma del documento “5 by 5 by 5” per ridurre la malnutrizione cronica dei bambini sotto i cinque anni del 5% in 5 anni e a diminuire le iniquità tra aree urbane e rurali. Il Perù ha basato la sua esperienza sul successo di progetti di piccole dimensioni e nutrizione integrata con altri programmi. Si è focalizzato anche sui bambini e sulle donne più svantaggiati e sulle strutture governative decentralizzate.
L’Etiopia ha ridotto la malnutrizione cronica dal 57% al 44% e la mortalità infantile sotto i cinque anni di età da 139 morti ogni 1.000 nati vivi a 77 su 1.000 nati vivi tra il 2000 e il 2011. Le misure chiave includono programmi nutrizionali nazionali, reti sicure nelle aree più povere e il potenziamento del sostegno alla nutrizione nelle comunità.
La malnutrizione cronica e altre forme di malnutrizione sono state ridotte in una serie di semplici e comprovate misure come una migliore nutrizione delle donne, immediato ed esclusivo allattamento al seno del bambino, garantendo l’aggiunta di vitamine e minerali, così come cibo adeguato – specialmente durante la gravidanza e nei primi due anni della vita del bambino.
Il rapporto ha dimostrato che le soluzioni esistenti e nuove collaborazioni, incluso il Movimento “Scaling Up Nutrition”, hanno creato opportunità senza precedenti per fermare la malnutrizione dei bambini con progressi rapidi attraverso progetti coordinati con il supporto dei donatori e di obiettivi misurabili.

Guarda anche...

Unicef

Paddington nuovo testimonial della campagna UNICEF

In attesa di poter vedere nelle sale italiane il 9 novembre Paddington 2 – sequel …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi