Home | in Politica | Napolitano rieletto Presidente della Repubblica
Giorgio Napolitano
Giorgio Napolitano

Napolitano rieletto Presidente della Repubblica

Giorgio Napolitano è stato rieletto Presidente della Repubblica con 738 voti. Napolitano ha infatti accettato la proposta venuta da Pd, Pdl e Scelta civica per una sua conferma al Quirinale.
A Stefano Rodotà sono andate 217 preferenze; 8 a Sergio De Caprio; 4 a Massimo D’Alema, 2 a Romano Prodi. I voti dispersi sono stati 6; le schede bianche 10, le nulle 12. Presenti e votanti 997.
L’aula di Montecitorio ha salutato con un fragoroso e lungo applauso l’avvenuta rielezione: tutti in piedi, con la vistosa eccezione dei parlamentari del Movimento 5 Stelle, che sono rimasti seduti e si sono alzati solo al momento della proclamazione (rimanendo solo pochi di loro seduti) ma senza unirsi all’applauso, per il resto corale, dell’assemblea.
Mentre in piazza Montecitorio si sono levati cori e fischi da parte della folla raccolta per sostenere Stefano Rodotà. La gente ha urlato “vergogna, vergogna” e subito dopo ha attaccato con un “buffoni, buffoni” e ”tutti a casa”. Ci sono stati anche momenti di tensione quando alcuni manifestanti hanno prima chiesto e poi tentato di scavalcare le transenne. Le forze dell’ordine li hanno fermati evitando che oltrepassassero le barriere.
”Giorgio Napolitano conferma ancora una volta di essere un grande servitore dello Stato e un grande italiano. Buon lavoro presidente!” ha scritto su Twitter il presidente del Senato, Pietro Grasso.
Nel momento in cui il nome del presidente Napolitano ha superato i 504 voti richiesti, Mario Monti ha telefonato dall’aula di Montecitorio al presidente della Repubblica per rallegrarsi vivamente per la rielezione a capo dello Stato. Lo rende noto un comunicato. “Monti – aggiunge il comunicato – ha espresso a Napolitano, anche a nome di Scelta Civica, profonda gratitudine per aver accettato, con grande spirito di sacrificio, di proseguire nel suo alto magistero istituzionale e morale, in questa difficile fase della vita nazionale”.
”Gli faccio veramente i miei migliori auguri” ha commentato con i cronisti Romano Prodi, rientrando a casa a Bologna. E a chi gli chiedeva un commento circa il voto di ieri sulla sua candidatura al Colle, Prodi ha risposto: “Preoccupato lo sono da molto tempo, ma non c’è nessuna delusione, c’è molta serenità, si torna a casa”.
”Risultato eccellente, grazie Napolitano” le parole di Pier Luigi Bersani. Soddisfatto per la rielezione Silvio Berlusconi. ”Napolitano è il #presidenteditutti. Parlare di golpe è ridicolo. Adesso il Pd ha l’occasione di cambiare davvero, senza paura. Ci proveremo” ha scritto Matteo Renzi su twitter.
Il capo dello Stato in carica ha sciolto la riserva poco prima della sesta votazione. “Nella consapevolezza delle ragioni che mi sono state rappresentate, e nel rispetto delle personalità finora sottopostesi al voto per l’elezione del nuovo Capo dello Stato, ritengo di dover offrire la disponibilità che mi è stata richiesta”, ha affermato Napolitano.
“Mi muove in questo momento il sentimento di non potermi sottrarre a un’assunzione di responsabilità verso la nazione, confidando che vi corrisponda una analoga collettiva assunzione di responsabilità”, ha sottolineato il capo dello Stato. “Naturalmente, nei colloqui di questa mattina – ha poi precisato – non si è discusso di argomenti estranei al tema dell’elezione del presidente della Repubblica”.
Il capo dello Stato ha ricevuto questa mattina al Quirinale Pierluigi Bersani, Silvio Berlusconi, Mario Monti, Roberto Maroni e una delegazione della Conferenza dei presidenti delle Regioni guidata da Vasco Errani.
“Da tutti gli interlocutori – spiegava una nota diffusa dal Quirinale – è stata espressa la convinzione che, nella grave situazione venutasi a determinare col succedersi delle votazioni per l’elezione del nuovo capo dello Stato, sia altamente necessario e urgente che il Parlamento in seduta comune possa dar luogo a una manifestazione di unità e coesione nazionale attraverso la rielezione del presidente Napolitano. Gli si è rivolto perciò un caldo appello a riconsiderare in questo quadro le ragioni da lui più volte indicate di indisponibilità a una ricandidatura”.
Napolitano giurerà e pronuncerà il discorso di insediamento di fronte al Parlamento riunito in seduta comune lunedì prossimo alle 17. Da martedì dovrebbero poi riprendere le consultazioni per arrivare alla formazione del governo.
Quanto al futuro esecutivo, sembrano essere in discesa le quotazioni di Giuliano Amato premier. Oltre al veto della Lega (”Mai con chi ha tolto i soldi alla gente”, ha avvertito Umberto Bossi), ci sarebbero forti resistenze anche nel Pd. Nelle ultime ore prende quota l’ipotesi di un governo guidato da Enrico Letta, gradito anche al Pdl. Almeno a quella parte di parlamentari azzurri che spinge per una grande coalizione e non vuole andare al voto. Per ora si tratta solo di voci non confermate che Letta liquida come “due bischerate”.

Guarda anche...

Schulz e Napolitano

Schulz, Napolitano si dimette ma sua eredità indelebile in Italia e in Europa

Strasburgo, 14 gennaio 2015. “Il fatto che le dimissioni di Giorgio Napolitano avvengano oggi, al termine della presidenza italiana del Consiglio dell’Unione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi