Home | Tempo d'Europa | Fisco: Rossi (EDL), su principio “paghi e poi reclami” Commissione UE evasiva
Oreste Rossi
Oreste Rossi

Fisco: Rossi (EDL), su principio “paghi e poi reclami” Commissione UE evasiva

Bruxelles, 26 aprile 2013. «Un parere evasivo che non tiene conto del sacrosanto diritto di eguaglianza tra i cittadini, costretti prima a pagare e poi, solo in un secondo tempo, a contestare quanto ingiustamente versato». L’europarlamentare ELD Oreste Rossi ha definito così la risposta della Commissione europea a una sua interrogazione parlamentare in cui metteva in discussione il principio tributario del “solve et repete” (“prima paghi e poi reclami”), che, secondo il deputato alessandrino, sarebbe da considerarsi «illegittimo» in quanto viola «il diritto dei cittadini a chiedere un risarcimento danni nei confronti dello Stato a fronte di un’ingiusta riscossione».

Per l’Esecutivo europeo, “il principio dell’immediata esecutività degli avvisi di accertamento emessi dall’Agenzia delle entrate e il suo corollario del ‘solve et repete’ non sembrano essere in contrasto con il diritto dell’Unione”. La Commissione ha precisato, inoltre, che “le norme procedurali sulla riscossione delle imposte sono scarsamente armonizzate”“restano di competenza degli Stati”.

«Ritengo – ha dichiarato Rossi – che la Commissione abbia eluso la mia domanda sulla compatibilità di questo principio rispetto alle disposizioni dei trattati sul giusto processo, a livello europeo, visto che esso inverte, non solo i tempi tra accertamento del debito e pagamento, ma anche l’onere della prova a carico del debitore. In Italia – ha ricordato- tale illegittimità è stata già dichiarata, nel 1961, con una sentenza della Corte costituzionale».

«Pubblica amministrazione e cittadino, infatti, non sono sullo stesso piano – ha sottolineato l’eurodeputato ELD – e proprio perché tale sistema è palesemente penalizzante per i contribuenti italiani, rispetto a quelli europei, dalla Commissione mi sarei aspettato una risposta più esaustiva, che avesse più riguardo verso l’interpretazione consolidata del diritto al giusto processo nella giurisprudenza comunitaria».

 

 

 

 

 

 

 

Guarda anche...

Oreste Rossi

Mercato unico dell’energia nell’UE per salvare imprese e famiglie

Bruxelles, 6 maggio 2014. «Come si può pensare di tenere in piedi le grandi industrie …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi